Il quartiere cambierà, fine del progetto al Museo Michelangelo

Il quartiere cambierà, fine del progetto al Museo Michelangelo

– Con l’evento in programma domani venerdì 15 ottobre si chiude il progetto “Esserci per cambiare il nostro quartiere”, ideato, promosso e realizzato dall’Istituto Tecnico “Buonarroti” e dal Museo Michelangelo con il cofinanziamento del Ministero della Cultura, unico istituto scolastico della provincia di Caserta Partner istituzionali sono stati: Comune di Caserta – Parrocchia del Buon Pastore – Parrocchia San Pietro in Cattedra – AGESCI – Scout gruppo Caserta 4 – Associazione Culturale “Francesco Durante” – BoomWebAgency impresa creativa, questi ultimi due in veste di cofinanziatori.
Per la realizzazione piena del progetto sono stati stipulati altri accordi di collaborazione col CAI – Club Alpino Italiano, con l’Associazione Culturale “Montessori” di Maddaloni e l’Associazione Culturale “Dodecacordon” di Marigliano (queste due anche come azioni di cofinanziamento).
Il pomeriggio sarà aperto alle ore 17 con il “Scuola attiva la cultura: buone pratiche in Campania”. “Sarà una preziosa occasione per ascoltare l’esperienza vissuta in altre due scuole campane vincitrici del bando: la Scuola Secondaria di Primo Grado “Caporale” di Acerra (NA) e l’Istituto Comprensivo ” “Mercogliano – Guadagni” di Cimitile (NA). Interverranno anche i nostri partner e i cittadini del quartiere coinvolti nella co-progettazione per dare voce a questi due anni e più di attività che abbiamo messo in campo”, dice la dirigente scolastica del Buonarroti, dott.ssa Vittoria De Lucia. “La prof.ssa Nives Chiavarone presenterà criticità e punti di forza emersi nel nostro progetto per avviare una riflessione su cosa e come mettere a sistema l’esperienza realizzata”.
Alle ore 19 circa ci sarà un momento conviviale fortemente connesso con lo spirito del progetto che ha come sottotitolo “A scuola saperi e sapori”. L’Associazione Culturale “Tempo di festa” realizzerà un buffet  menu con piatti tradizionali campani e tratti da ricettari della corte borbonica.
Alle ore 20 circa concluderemo in musicale bellezza con I Pulcinella / Le lavandaie, gruppo musicale di tradizione popolare con oltre cinquant’anni di esperienza.

Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8823 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Gianni Allocca al Teatro Izzo porta in scena Non ti pago

Anna Maria D’Aniello – Caserta, al Teatro Izzo debutta lo spettacolo di Eduardo de Filippo “Non ti pago”, che si terrà in quattro appuntamenti serali nei giorni 30 e 31

Comunicati

Teatro Festival, al Bellini in prima nazionale c’è “Aucune idée”

“Aucune idée” (Nessuna idea). È questo il titolo dello spettacolo che il geniale regista svizzero Christoph Marthaler porterà in scena il 23 e il 24 settembre in prima nazionale al

Primo piano

Caserta, all’Ordine targhe a medici con 50 anni d’iscrizione

Maria Beatrice Crisci -Sono ventisei i medici casertani con cinquant’anni di iscrizione all’Ordine di Caserta che hanno ricevuto una pergamena e una medaglia. La cerimonia, in due giornate, nella sede