Inferno ritorno, al Comunale con il Teatro delle Restituzioni

Inferno ritorno, al Comunale con il Teatro delle Restituzioni

Maria Beatrice Crisci

Foto scena

Inferno ritorno». È lo spettacolo che il Teatro delle Restituzioni porta in scena martedì 16 novembre alle 20 al Teatro Comunale «Costantino Parravano» di Caserta. L’evento fa parte della rassegna «Ripartiamo dal teatro», promossa dagli assessorati alla Cultura e ai Grandi Eventi del Comune di Caserta e finanziata dalla Regione Campania (POC Campania 2014-2020), in programma fino al 30 novembre. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti con prenotazione 72 ore prima di ogni spettacolo su www.eventbrite.it. L’accesso agli eventi è consentito agli spettatori muniti di green pass e di mascherina. «Inferno ritorno» parte dalla Divina Commedia di Dante.  Autore e interprete è Davide Compagnone. Il prologo video/installazione è di Maria Giovanna Abbate e Francesco Capasso. Direttore della fotografia video Alessandro Lanciato, assistente Katia Lavino. Musiche dal vivo Degoya. Francesco Di Cristofaro è ai flauti e alle ance, Andrea Laudante all’elettronica e field recording, Gabriele Tinto alle percussioni e oggetti. La produzione è del Teatrodellerestituzioni, in collaborazione con l’Opificio Puca e con il Centro per le ricerche sull’inutile. La durata della performance è di 50 minuti. «La Divina Commedia – dice Davide Compagnone – è un’opera di una straordinaria potenza visiva. Il viaggio labirintico di Dante guidato da Virgilio attraversa temi universali come vita, morte, amore, politica, tradimento, ed è per questo che arriva a noi dopo tanti anni come una viva fonte di ispirazione e riflessione. Nei miei spettacoli ho spesso attinto alla Divina Commedia, da anni rifletto sulla possibilità di un’opera tratta dall’Inferno. Dopo vari incontri con gli artisti con cui collaboro e dopo la prima fase di esplorazione, sono cominciate le riprese video in varie zone della provincia di Caserta, in particolare lungo i sentieri che costeggiano il fiume Volturno fino alla foce». Info_ingresso gratuito con prenotazione su Eventbrite al link:

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9778 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo

All’Aperia la vispa Dirindina. Un’Estate da Re ha le sue regine

Maria Beatrice Crisci – Alla Reggia di Caserta è proprio Un’Estate da Re! La speciale location dell’Aperia, dopo il consenso riscosso in occasione della Nona di Beethoven e de Il Campanello dello speziale di Donizetti,

Cultura

Universal Design a Caserta, un no alle barriere in architettura

Maria Beatrice Crisci La vita disegnata senza limiti, grazie a una progettualità inclusiva. Di questo si è parlato nella Cappella Palatina della Reggia di Caserta, uno dei più importanti luoghi simbolo

Primo piano

Educazione ad uno spuntino salutare, l’idea del Campus Salute

(Comunicato stampa) -Il Campus Salute Caserta, di cui è referente il dott. Mario Parillo, al fine di agevolare un percorso di educazione alimentare, ha ideato un interessante progetto di “Educazione