Invito all’Ordine, la mostra di Peppe Ferraro continua

Invito all’Ordine, la mostra di Peppe Ferraro continua

Maria Beatrice Crisci

– Resterà aperta fino al 12 gennaio prossimo la mostra personale “Sotto pelle” di Peppe Ferraro presso la sede di via Galilei, 2 dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Caserta. Con la mostra di Ferraro, ricordiamo, ha preso il via la rassegna “Invito all’Ordine. Salotti culturali nella casa dei Commercialisti”, il ciclo di appuntamenti promossi dall’Ordine guidato da Luigi Fabozzi e curati da Maria Beatrice Crisci. La mostra di Peppe Ferraro è realizzata in collaborazione con la Arterrima gallery and B&B (corso Trieste 167 a Caserta).

          Peppe Ferraro (1)“La rassegna – aveva sottolineato il Presidente dell’Ordine in occasione del vernissage – nasce con l’intenzione di valorizzare le eccellenze dell’area casertana. Artisti, ma anche scrittori e professionisti che operano e lavorano qui nel settore culturale. Dietro ogni commercialista c’è una persona che è attenta al territorio, che interagisce con questo su un piano che è essenzialmente economico e finanziario, ma è anche umano e sociale. D’altronde lo sviluppo di un contesto geografico non può prescindere dalla collaborazione tra una sana imprenditoria, capace di attuare investimenti e di esprimere concretezza nel segno dell’innovazione, e le menti migliori di quello stesso territorio, pronte a dare un contributo di creatività e di fantasia, prerogative necessarie per un riscatto economico e sociale. Da queste considerazioni nasce l’idea di un invito all’Ordine, un’espressione a doppio senso per una rassegna artistico culturale che, ospitata nella casa dei commercialisti, faccia dialogare e connettere con regole certe i nostri iscritti e il mondo intellettuale cui bisogna relazionarsi. La figura geometrica dell’epitrocoide, che è il nostro simbolo, si accosta così metaforicamente e materialmente alla produzione più creativa”. L’esposizione è visibile negli orari di apertura dell’Ordine: martedì e giovedì dalle ore 16 alle 18, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 13.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9768 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Comunicati

Broadway napoletano, al piccolo Teatro Cts con un duo comico

-L’appuntamento con la rassegna “Giovediamoci”, previsto per l’appunto giovedì 23 marzo alle ore 21:00, è affidato al duo comico/musicale, Angelo Bove e Pippo Infante, con lo spettacolo BROADWAY NAPOLETANO, un

Cultura

Ti ci porto io! La Reggia di Caserta, storia curiosità e aneddoti

Luigi Fusco -Terzo appuntamento, domenica 18 aprile, sui canali social e YouTube di Ondawebtv con la rubrica “Ti ci porto Io”, un viaggio alla scoperta delle bellezze monumentali, artistiche e

Primo piano

Officina Teatro, va in scena “Di bene mi vuole, La favola bella”

Magi Petrillo  – All’OfficinaTeatro di San Leucio stasera alle ore 19 si replica «Di bene mi vuole. La favola bella». E’ questo uno spettacolo scritto e diretto da Michele Pagano. Protagonista Patrizia Bertè.