Iride, Napoli negli occhi. Una mostra in Consiglio Regionale

Iride, Napoli negli occhi. Una mostra in Consiglio Regionale

Claudio Sacco

– Iride, è il titolo della personale di fotografia di Daniele Galdiero a cura di Rita Esposito inaugurata nella sede del Consiglio regionale della Campania.  “Abbiamo deciso, in questa legislatura, di investire nella cultura – ha detto Rosetta D’Amelio, Presidente del Consiglio regionale – e anche nella valorizzazione dell’arte contemporanea, aprendo la sede istituzionale ad eventi di elevato valore artistico e sociale, per avvicinare anche in tal modo la politica ai cittadini. E’ stato così per le mostre fotografiche sui consultori o dei ragazzi della Fondazione della Famiglia di Maria e per le ceramiche prodotte dai detenuti di Poggioreale o dai ragazzi di Nisida”.

iride mostra

 La presidente poi ha aggiunto: “La mostra personale di fotografia artistica di Daniele Galdiero rappresenta un progetto artistico che rientra nella logica di valorizzazione del territorio e della sua enorme valenza culturale. Infatti le 24 immagini che compongono il corpus della mostra ritraggono l’iride di diverse persone nelle quali è specchiata l’immagine di luoghi della città di Napoli, appartenenti sia al centro storico che alle periferie.”

“Con questa esposizione – ha concluso D’Amelio – Daniele Galdiero ha introdotto una nuova logica di rivitalizzazione culturale della città di Napoli, della Campania e della sua comunità che ha necessità sempre maggiore di aggregarsi intorno a valori di bellezza e cultura condivisa. Per questo non ci siamo limitati a dare il patrocinio, ma abbiamo ben volentieri accolto la richiesta di esporre la mostra in Consiglio”.

“Questa è la mia visione sull’architettura – ha spiegato il fotografo – all’interno di occhi di persone che vivono la città e sono emozionati vedendola”. Quindi, ha concluso: “C’è una visione da architetto oltre che da artista fotografo ognuno di noi si porta dietro la sua storia che influenza, e questa visione della città fa vedere sia le parti belle sia le periferie che sono meno belle per qualcuno, ma cariche per persona che l’ha guardata”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7602 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

“La corruzione spuzza”, e Raffaele Cantone spiega il perché

Claudio Sacco – «La corruzione spuzza» è il libro scritto dal presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione Raffaele Cantone e dal consigliere di Stato Francesco Caringella. A presentarlo ieri a Caserta nel

Primo piano 0 Comments

Psicoterapia online. E’ davvero efficace?

Armando Rispoli (psicologo e psicoterapeuta) – In questo periodo si parla tanto di Psicologia online o di Psicoterapia a distanza come strumento efficace di sostegno psicologico, di crescita personale e

Primo piano 0 Comments

De Luca: Primavera nuova stagione per welfare e terzo settore

(Luigi D’Ambra) – Welfare e terzo settore a confronto con istituzioni e società civile. Sono stati oltre 1800 i rappresentanti del mondo dell’associazionismo e del volontariato che hanno partecipato alla

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply