Isis Federico II, evento con il vaticanista don Giulio Albanese

Isis Federico II, evento con il vaticanista don Giulio Albanese

Luigi Fusco

-Provare a ripensare l’economia mondiale partendo dai paesi più poveri del Mondo. È stato questo il tema
portante dell’incontro che si è svolto, mercoledì 15 febbraio, presso l’Aula Magna dell’ISIS “Federico II” di
Capua e che ha avuto come protagonista don Giulio Albanese, missionario, giornalista e vaticanista di fama internazionale.
Partecipe ed entusiasta è stata la platea degli studenti accorsi per assistere alla conferenza di don Albanese, che a lungo si è soffermato sull’esperienza vissuta insieme a Papa Francesco durante il suo viaggio in Africa. Durante il convegno, il relatore, accompagnato da don Gianni Branco di Parrocchie Capua Centro, è più volte ritornato sulle condizioni economiche e sociali che tuttora stanno vivendo territori di vasta dimensione come il Corno d’Africa e l’Africa Occidentale, regioni che, a seguito del global warming, stanno divenendo sempre più vulnerabili e sono continuamente soggette a crisi alimentari.
Nel contempo, lo stesso vaticanista ha anche evidenziato il fenomeno jihadista che, da tempo, sta
investendo tanto da comprometterne i già precari assetti sociali, etnici e religiosi. Altresì ha rimarcato gli
effetti devastanti a livello umano causati dalle periodiche ondate pandemiche: dall’Aids alla Tbc, passando per la malaria e finendo con il Covid-19.
In virtù di questo continuo stato di emergenza, don Giulio Albanese si è fatto promotore, insieme al
pontefice Bergoglio, di nuovi modelli economici la cui applicazione potrebbe portare effetti benefici
all’Afcfta, l’Africa Continental Free Trade Area. In sostanza, si tratterebbe, così come ipotizzato da Basil El- Baz fondatore della Carbon Holdings, di un’operazione fondata sull’opportunità di dotare l’Africa di una propria economia di base incentrata sulle esportazioni di materie prime e di beni a basso costo.
Un’ipotesi valida ed efficace, ma che purtroppo, come ha ribadito don Albanese, non ha ancora trovato
riscontro in quanto, al momento, mancano i presupposti per applicarla dal punto di vista operativo, ciò a
causa della guerra in Ucraina e in virtù delle complesse dinamiche che insistono in seno al Wto,
l’Organizzazione Mondiale del Commercio.
Nel corso della lezione, gli alunni hanno così avuto modo di conoscere una serie criticità connesse alla vita del mondo contemporaneo e di comprendere quanto sia indispensabile l’intervento da parte di ogni
istituzione internazionale per poterle risolvere.
L’incontro con don Giulio si inserisce nel fitto programma di attività didattiche e culturali che la scuola
superiore “Federico II”, diretta dalla Preside Professoressa Ida Russo, sta promuovendo da tempo.
Infatti, il prossimo appuntamento previsto all’ISIS si svolgerà il prossimo 18 marzo con una giornata
interamente dedicata alle vittime della mafia, il cui ricordo sarà poi oggetto di una profonda riflessione
poetica e figurativa che coinvolgerà tutti gli studenti che prenderanno parte alla manifestazione.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 1086 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano

Venerdì Santo a Capua, ritorna l’Incontro in piazza dei Giudici

Luigi Fusco -Dopo due anni di assenza, torna a Capua il tradizionale “Incontro” in piazza dei Giudici, l’evento sacro più atteso dalla cittadinanza, il momento liturgico più intenso che mette

Primo piano

Ordine Medici. L’appello della Bottiglieri: “E’ il tempo di agire”

Maria Beatrice Crisci -«Rileggendo quanto espresso in un precedente comunicato di aprile 2020 sembra che nulla o poco sia cambiato. I contagi sono molto aumentati, il SSN in affanno, i

Primo piano

“Arcomic” a Caserta, ovvero l’architettura vissuta con ironia

Pietro Battarra, immagini di Giancarlo Covino – Due architetti. Due autori. Due ironie che si incontrano. Questo sarà “Arcomic”, l’appuntamento organizzato da AmàteLab per oggi venerdì alle 19 allo Spazio X in