La mostra “Pompeii”, da Napoli al National Museum di Tokio

La mostra “Pompeii”, da Napoli al National Museum di Tokio

Luigi Fusco

-Le antichità di Pompei nel segno del “Sol Levante”. Attesissima la mostra itinerante “Pompeii” al National Museum di Tokio, esposizione realizzata con 160 pezzi provenienti dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Fino a dicembre 2022 sarà, inoltre, possibile vedere i reperti archeologici del MANN in giro presso alcune prefetture del Giappone: di Kyoto, Miyagi e Fukuoka. I preziosi manufatti antichi pompeiani saranno difatti presenti al Kyoto City Kyocera Museum of Art e al Kyushu National Museum. L’inaugurazione di “Pompeii” al Tokyo National Museum ha un’importante valenza simbolica, in quanto per tutto il 2022 verrà celebrata la ricorrenza del 150esimo anno dalla fondazione del museo stesso, la più antica istituzione culturale del paese specializzata nella tutela e nella valorizzazione delle glorie giapponesi e asiatiche. Con la mostra “Pompeii” si rinsalderanno i legami tra le radici storiche dell’Occidente e dell’Oriente, nell’ottica di rilancio delle grandi esposizioni in un periodo ancora segnato dal Covid-19.  Articolato il framework di sinergie istituzionali che hanno contribuito alla realizzazione del progetto.  Al riguardo, due anni fa, il MANN ha siglato una Convenzione Quadro con il Tokyo National Museum con l’obiettivo di valorizzare, attraverso una grande mostra in Giappone, la conoscenza della cultura delle antiche città vesuviane.

Nell’ambito della promozione politica delle relazioni internazionali, attuata dal Ministero della Cultura, è stato poi sviluppato il programma scientifico dell’esposizione che ha interessato anche la cooperazione del Ministero della Cultura Giapponese, dei Musei di Tokyo, Fukuoka e Kyoto, dell’Ambasciata d’Italia a Tokyo e della Fondazione Italia-Giappone.  Il percorso espositivo è stato, invece, realizzato in collaborazione con Pompeii – Parco Archeologico, istituzione già impegnata nella divulgazione della conoscenza delle antichità vesuviane a livello internazionale.  La mostra è stata, inoltre, organizzata dal quotidiano nipponico The Asahi Shimbun e dalla NHK Promotions Inc/Nippon Hoso Kyokai – Japan Broadcasting Corporation.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 706 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Attualità 0 Comments

Il critico Agnisola. La sua lettera-appello alla comunità artistica

Maria Beatrice Crisci -Un appello alla comunità artistica del territorio. A farlo è il critico d’arte Giorgio Agnisola. Il messaggio diffuso da Agnisola dal suo profilo facebook è stato rapidamente

Attualità 0 Comments

Architetti, dieci aree da recuperare nel Casertano

Gli architetti casertani si propongono come protagonisti dei processi di trasformazione e di recupero delle periferie e delle aree dismesse. L’Ordine degli Architetti della provincia di Caserta sollecita le amministrazioni locali

Cultura 0 Comments

Azienda Iemma, la Parthenope la sceglie come fonte di ricerca

Pietro Battarra -Una bella storia iniziata con un’antica amicizia trasformatasi poi, negli anni, in un fruttuoso sodalizio professionale tra il Dipartimento di Studi Economici e Giuridici, il Dottorato di ricerca

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply