La musica di Ludovico Enaudi agli scavi di Pompei

La musica di Ludovico Enaudi agli scavi di Pompei

(Mario Caldara)     Gli scavi di Pompei arricchiscono ulteriormente il proprio programma musicale previsto per l’estate 2016. Dopo l’annuncio di nomi dalla caratura mondiale, quali Elton John (che si esibirà il 12 luglio nell’Anfiteatro Romano) e David Gilmour (che farà romanticamente ritorno a Pompei dopo il famoso live del 1972 il 7 e l’8 luglio), un altro grande artista farà “vibrare” le rovine antiche della città campana a suon di musica. Si tratta di Ludovico Enaudi, pianista e compositore torinese dalla grandezza internazionale, che si esibirà il 23 luglio nel teatro romano, insieme a Federico Mecozzi al violino, Redi Hasa al violoncello, Alberto Fabris al basso elettrico e live electronics, Riccardo Laganà alle percussioni e Francesco Arcuri alle chitarre. Il concerto, Elements, prende il nome dalla sua ultima “fatica”, album uscito nell’ottobre 2015 e che ha occupato posizioni alte delle classifiche italiane e dei Paesi Bassi. È motivo di grande orgoglio e un’occasione da non perdere, quella di poter assistere alla performance di un artista d’eccezione come Enaudi, che per la prima volta suonerà tra le rovine storiche, contorno magnifico per la sua musica. Durante la sua carriera, egli si è esibito praticamente ovunque nel mondo e sui palcoscenici più ambiti e prestigiosi, dimostrando all’estero che l’Italia è sorgente di talento. Il maestro ha raggiunto il successo planetario con l’album Le Onde, ispirato all’omonimo romanzo di un’altra anima dal talento imponente, Virginia Woolf. Enaudi ha anche lavorato in campo teatrale e cinematografico. Per il teatro, non si può non ricordare la composizione teatrale Time Out, risalente al 1988, mentre ha firmato colonne sonore per diversi film. Alcuni brani del già citato Le Onde hanno fatto parte del film di Nanni Moretti, Aprile, e, recentemente, Enaudi ha dato vita alle musiche di Quasi Amici (Intouchables), di Olivier Nakache ed Éric Toledano, con François Cluzet e Omar Sy, film francese vincitore di diversi premi e racimolatore di parecchie candidature prestigiose. Ludovico Enaudi, un altro grande musicista per un’altra indimenticabile notte estiva pompeiana.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7171 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Comunicati

Avanza la flotta casertana, nuovi autobus per Terra di Lavoro

E’ stata presentata questa mattina nei pressi della Reggia vanvitelliana la flotta di nuovi autobus della CLP che saranno immessi sul territorio urbano e provinciale di Caserta, anche in vista

Editoriale

Dipendenza affettiva, parte il seminario contro l’amore malato

Giovanni Saladino * – Ognuno di noi è dipendente in qualche misura dagli altri, tutti noi abbiamo bisogno di approvazione, empatia, di conferme e ammirazione da parte degli altri, per

Primo piano

Università Vanvitelli, a lezione con il Nobel Michael W. Young

Maria Beatrice Crisci  – Michael Warren Young, Premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina all’Università Vanvitelli con una conferenza dal titolo: “Genes controlling sleep and circadian rhythms”. L’evento si

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply