La Pasqua e la Passione, il Cristo deposto di Matteo Bottigliero

La Pasqua e la Passione, il Cristo deposto di Matteo Bottigliero

Luigi Fusco

Napoli, Cappella Sansevero

– Tempo di Pasqua, ma anche di simboli e di opere d’arte cariche di valenze devozionali. Tra sepolcri e iconografie della Passio Christi, si rincorrono immagini e rappresentazioni di ogni sorta. Infinito è l’elenco di pitture e sculture, realizzate nel corso dei secoli, concepite per esaltare la fede nella sua forma più drammatica, il cui allestimento, specialmente in età barocca e controriformata, spesso è stato approntato come se fosse una vera e propria macchina teatrale.

In provincia di Caserta, l’opera più rappresentativa in tal senso è il Cristo deposto di Matteo Bottigliero esposto presso la Cripta della Cattedrale di Capua. Eseguito all’inizio degli anni Venti del Settecento, insieme al busto dell’Addolorata, è considerato tra i capolavori di scultura marmorea tardo barocca presenti in Campania, sia per la fattura sia per il pathos che trasmette.

Scarse sono le notizie biografiche del suo autore, mentre sono note alcune e importanti sue opere napoletane: la Guglia dell’Immacolata in Piazza del Gesù, i busti di vari santi monaci nel Chiostro grande della Certosa di San Martino e tante statuine presepiali, oggi conservate proprio presso il Museo della Certosa.

Il Cristo capuano venne commissionato al Bottigliero quando era un artista già famoso e maturo. L’incarico gli venne affidato dall’allora arcivescovo Nicolò Caracciolo che, da tempo, stava conducendo una serie di interventi architettonici e decorativi per l’ammodernamento della Cattedrale. Per questa scultura chiese, inoltre, che venisse inserita in una sorta di tempietto le cui forme dovevano evocare quelle del sepolcro di Gerusalemme. La cripta e la scultura vennero, successivamente, consacrate dal vescovo di Benevento Pietro Francesco Orsini, che di lì a poco sarebbe asceso al soglio pontificio con il nome di Benedetto XIII.

Ancora oggi il Cristo deposto suscita molto stupore in chi l’osserva, per la bellezza del candore marmoreo, per la raffinata esecuzione e gli effetti chiaroscurali che danno all’opera una maggiore espressività drammatica. Tutti elementi che hanno, poi, caratterizzato lo stile di Giuseppe Sammartino, suo allievo, e che in effetti si riscontrano nel suo massimo capolavoro: il Cristo Velato della Cappella del Principe Raimondo di Sangro a Napoli.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 122 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano

Lavoratori by night, nasce in in Campania il sindacato

Comunicato stampa Si chiama SILS ed è il sindacato che tutelerà e rappresenterà i diritti dei lavoratori del by night sarà attivo anche in Campania. Il Sindacato Italiano Lavoratori dello spettacolo darà accoglienza e supporto

Spettacolo

Al Teatro Nuovo si aprono le danze. Cinque giorni di balletto

(Enzo Battarra) – “Quelli che la Danza” vuol dire balletto contemporaneo. E avviene a Napoli, nel Teatro Nuovo, luogo della sperimentazione della innovazione, e della contaminazione. Sempre più frequentemente la

Cultura

Infodemia ovvero la comunicazione ai tempi del Covid

Estela Hamiti – (Dottorato in Eurolinguaggi e Terminologie Specialistiche – Università Parthenope) Tra le cose che sicuramente non dimenticheremo di questa pandemia anno domini 2020 vi è la sarabanda di

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply