La Reggia ancora protagonista nel giorno di Pasquetta

La Reggia ancora protagonista nel giorno di Pasquetta

reggia turisti 2

(Enzo Battarra)     La Reggia interpreta la Reggia. Lunghe, lunghissime code stamattina, giorno di festa. È il lunedì in Albis, o se si preferisce il lunedì dell’Angelo, ovvero Pasquetta. Al tempo dei reali le porte del Palazzo si aprivano e il magnifico parco veniva pacificamente invaso dalla gente del contado, felice di appropriarsi per un giorno di quel pezzo di paradiso terrestre. E la tradizione è continuata anche nei decenni successivi. Poi, e si potrebbe dire legittimamente, la consuetudine è stata interrotta. Non era possibile vandalizzare i giardini con atteggiamenti da scampagnata e con Super Santos che volavano nel cielo.

Ma la pulsione ad andare in questo giorno verso la Reggia esiste ancora. E oggi che si vive un rinascimento del gioiello vanvitelliano l’attrazione è ancora più forte. Ecco perché da stamattina c’è un mare di gente per accedere al monumento. Il Parco è chiuso, ma c’è la fila che inizia quasi dal cancello di destra, quello dove ci sono ancora le impalcature. Un elicottero ha sorvolato la zona. C’è la polizia municipale al cancello centrale e in altri siti dei “campetti”. Piazza Carlo III è piena con immancabili partite di pallone. Ma il dato positivo è che c’è tanta folla agli appartamenti storici e in maggioranza sono turisti paganti.

reggia turisti 3Straordinaria la descrizione che Attilio Del Giudice, scrittore, artista e filmaker, un vanto per la città di Caserta, fa del lunedì in Albis al Parco della Reggia in “Fancy meter”, realizzato prima come mediometraggio, con l’interpretazione da protagonista di un altro regista, Bruno Tramontano, poi pubblicato come racconto nel 1988. Questo il finale: “Cara Monica, non so dirti altro. Altro non conosco del mio destino. Oggi è lunedì, il lunedì successivo alla Pasqua, lunedì in Albis. Tanti anni fa si festeggiava questo giorno: nella nostra città, nel parco del Palazzo Reale, i contadini, gli operai, i borghesi venivano a migliaia. Si pranzava sull’erba, si cantava ed anche i vecchi saltellavano allegri al suono delle fisarmoniche. Tu eri bambina e, forse, non ricordi; questo accadeva tanti anni fa”.

@EnzoBattarra

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8275 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

La banda della regina, Sante Roperto al Teatro Buon Pastore

Maria Beatrice Crisci -Sarà presentato sabato 4 dicembre alle 17 a Caserta nel Teatro Buon Pastore (piazza Pitesti), il nuovo libro di Sante Roperto. «La banda della regina» è il

Ultima tappa a Caserta, i coreani ricorderanno Reggia e pizza

Maria Beatrice Crisci – Degusteranno un’ottima pizza casertana i musicisti dell’orchestra giovanile coreana OnBit. Sarà Pizz’Art a offrire la cena agli oltre cinquanta strumentisti dopo il  concerto che si terrà stasera

Editoriale 0 Comments

Giugno al Museo con la Reggia di Caserta, qui l’arte è di moda

(Maria Beatrice Crisci) – C’è anche il particolare del dipinto della Regina Maria Teresa d’Asburgo Lorena di Francesco Torr conservato alla Reggia di Caserta tra le locandine digitali della nuova

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply