L’adorato San Francesco, i suoi conventi nella Terra di Lavoro

L’adorato San Francesco, i suoi conventi nella Terra di Lavoro

Luigi Fusco

Francesco d’Assisi, patrono d’Italia, è tra i santi più amati del mondo cristiano. La sua storia e la sua forza spirituale hanno cambiato, a partire dall’età medievale, le sorti della chiesa occidentale. In occasione della sua ricorrenza, che cade il 4 ottobre, numerose sono le manifestazioni di giubilo e di fede che si tengono in ogni angolo del mondo, considerata la capillare diffusione del suo culto presente in tutte le chiese e in particolare nei complessi conventuali del suo ordine. I più importanti festeggiamenti restano comunque ad Assisi, nella grande Casa Madre del francescanesimo, vero e proprio gioiello architettonico, suddivisa in due basiliche, ricca di affreschi realizzati dai più importanti maestri della pittura italiana del Due e Trecento, fra cui spicca Giotto cin il suo maestoso ciclo dedicato alla vita del Santo.
Francesco, figlio di un mercante, nato proprio ad Assisi nel 1181, trascorse una giovinezza felice, divenendo, nel tempo, anche cavaliere. Dopo una “visione celeste” rinunciò a tutto per seguire Dio in povertà.
Nel 1208, cominciò a predicare la penitenza con addosso un sacco e vivendo di elemosina. La sua nuova esperienza di vita subito fece eco e a lui si unirono i primi compagni. Fondò, poi, l’Ordine dei Frati Minori, la cui regola venne successivamente approvata da Papa Innocenzo III. Nel 1224, ricevette le stigmate. Compose il “Cantico delle Creature” e a lui sono attributi anche i Fioretti, entrando così a pieno titolo nella Storia della Letteratura Italiana. Morì nel 1226 e venne canonizzato nel 1228. Ampia è la sua iconografia, frutto del genio e dell’interpretazione di molti artisti sia del passato che di età contemporanea. Jose Mario Bergoglio divenendo Papa è stato il primo a imporsi il suo nome. Copiosa è, inoltre, la presenza francescana in Terra di Lavoro, dove si registrano numerosi conventi innalzati soprattutto tra la fine del 14esimo e gli inizi del 15esimo secolo.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 407 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Cultura 0 Comments

Fare cultura è un’impresa, sostegno web di Invitalia a Ercolano

Luigi Fusco – Giovedì 22 aprile, a partire dalle 16, Invitalia, l’agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, sarà presente online con il suo terzo appuntamento dedicato,

Primo piano 0 Comments

Carditello Festival, intermezzo buffo “La furba e lo sciocco”

Pietro Battarra –Carditello Festival. Domenica 13 settembre alle ore 20.30 si alza il sipario sull’intermezzo buffo “La furba e lo sciocco”. Con l’Orchestra “La Real Cappella di Napoli”, diretta dal maestro Ivano

Cultura 0 Comments

Con gli occhi di Caravaggio. De Core e Siano a Capodrise

Pietro Battarra – “Con gli occhi di Caravaggio“. È questo il titolo del libro di Francesco de Core e Sergio Siano, edito da Intra Moenia, che sarà presentato al Palazzo delle Arti di Capodrise,

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply