L’amore al tempo del marketing. Venti di una dolce guerra

L’amore al tempo del marketing. Venti di una dolce guerra

(Enzo Battarra, ph Paolo Migliavacca) – “Noi abbiamo scelto questo periodo storico perché qui nasce il marketing, qui nasce l’idea di dover convincere tante persone contemporaneamente. Viene istituito in Italia il suffragio universale maschile, non ancora quello femminile. Si estende la democrazia, ma contemporaneamente e paradossalmente si estendono anche i modi con cui cercare di convincere le persone ad avere un pensiero piuttosto che un altro”. A fare questa dichiarazione ai microfoni di OndaWebTv è Mariano Arenella, autore, regista e protagonista insieme con Elena Ferrari della pièce “La dolce guerra” in scena al Teatro Elicantropo di Napoli da giovedì 24 novembre fino a domenica 27.

la-dolce-guerra-elena-ferrari-e-mariano-arenella_01_ph-paolo-migliavacca        la-dolce-guerra-elena-ferrari-e-mariano-arenella_03_ph-paolo-migliavacca

Presentato dalla Compagnia Cabiria Teatro, lo spettacolo, che si basa su approfondite ricerche storiche, è stato scelto quale progetto rientrante nel programma ufficiale delle commemorazioni del Centenario della Prima Guerra Mondiale, a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il disegno luci è di Vanni Vallino, costumi di Norma Uglietti, foto di scena di Paolo Migliavacca, riprese e montaggio video di Martino Chiti.

La pièce, che vede protagonista una giovane coppia, rievoca, in parallelo, la storia d’amore dei due giovani contrapposta alla storia di un Paese che li travolgerà.

“Stiamo parlando di un’epoca – prosegue Mariano Arenella – in cui il cinema diventa un’industria di portata internazionale. Fino a qualche anno prima era un fenomeno da fiera. Nasce il cinema di propaganda sul sacrificio, sul compromesso di tanti cineasti. Cosa che rischia di ripetersi anche ai giorni nostri”.

Non a caso, quindi, il protagonista maschile dello spettacolo Olmo è un pioniere del cinema italiano, mentre lei Ada è una maestra elementare, entrambi amanti del proprio lavoro. Ogni giorno lui si affanna per girare una scena del proprio film, lei per educare i bambini a diventare dei giovani “italiani”. Possono farlo, poiché il periodo storico in cui vivono è carico di entusiasmo, la fiducia nel futuro è alta, e la loro vitalità sarà sicuramente premiata.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo 0 Comments

Caserta, a San Leucio va ai cantautori il palco degli Ostinati

Pietro Battarra – La Cantina degli Ostinati a San Leucio si apre ad una nuova e originale iniziativa. Da venerdì 3 novembre alle ore 21 prende il via “Un palco per

Primo piano 0 Comments

Luz Suarez, l’arte del batik dalla Colombia allo Spazio Vitale

Luigi Fusco -Si inaugura sabato 24 luglio, alle 19.00, presso la Galleria “Spazio Vitale” di Aversa la mostra Batik di Luz Suarez, a cura di Antonella Nigro. Luz Dary Suarez

Spazio Vitale. Storie d’Africa dello spagnolo Xavi Ferragut

Claudio Sacco – «Storie d’Africa» è il titolo della mostra di Xavi Ferragut, spagnolo di Valencia, nato nel ‘64. L’inaugurazione è per questo pomeriggio alle ore 18 ad Aversa presso lo Spazio

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply