Le sigarette non vanno più in fumo, parola d’ordine è svapare

Le sigarette non vanno più in fumo, parola d’ordine è svapare

Lucia Golino -Tutte le lingue viventi, com’è noto, si lasciano permeare da ogni sorta di fenomeno sociale e ne rispecchiano l’evoluzione e gli esiti. Nella nostra era digitale, in particolar modo, si moltiplicano le innovazioni tecnologiche, dalle quali hanno origine nuovi termini che si impongono nell’uso quotidiano, entrano a far parte del linguaggio comune, e finiscono poi con l’ottenere formale riconoscimento in testi ufficiali, come il vocabolario Treccani o presso la prestigiosa Accademia della Crusca.

Oggi parliamo di svapare, un verbo intransitivo, che sta per: “fumare una sigaretta elettronica emettendo il caratteristico vapore simile al fumo”. Questo neologismo deriva dal lemma “vapore”, con l’aggiunta del prefisso s- (dal latino ex, la s esprime l’idea del completamento, del condurre un’azione a termine) e il suffisso –are dei verbi di prima coniugazione. Secondo alcuni, la s in posizione iniziale richiamerebbe la “s-igaretta”; altri, invece, sostengono che l’etimo della parola sarebbe semplicemente da ricondurre all’ inglese to vape, attestato già intorno al 2007-2008.

Per svapare (esiste anche la variante svaporare) occorre una sigaretta elettronica, normalmente corredata di un kit che prevede una batteria ricaricabile, un circuito elettronico, un filtro e un vaporizzatore. Questo semplice dispositivo dà la sensazione di fumare una vera sigaretta ma l’assenza di combustione ne elimina gli effetti cancerogeni, notoriamente nocivi alla salute.

Sulla falsariga di questo neoconio è sorta anche una terminologia specifica: svapata, ossia fumata, svapatore, fumatore, e svapo, la sigaretta stessa.

Inventata nel 2003 da un farmacista cinese, Hon Lik, la e-cig, o electronic cigarette, come la chiamano gli inglesi, è comparsa sul mercato italiano e internazionale, registrando strepitose vendite, solo negli anni 2012-2013, grazie anche alle massicce campagne pubblicitarie antifumo. Difatti è proprio nel 2013 che si rinvengono le prime occorrenze del termine svapare in documenti scritti pubblici, come i quotidiani Il Corriere e La Repubblica. In realtà la parola svapare, sinonimo di sigaretta, compare già nel 2004, precisamente in un libro di Renzo Ambrogio e Giovanni Casalegno, dal titolo: “Scrostati gaggio! Dizionario storico dei linguaggi giovanili”; apparterrebbe dunque allo slang italiano e sarebbe legato al gergo della malavita.

Volendo risalire ancora più indietro nel tempo, nel celebre film tratto da F. Moccia, “Tre metri sopra il cielo”, del 1991, si fa riferimento alle svapore, da intendersi delle comunissime sigarette.

Dal momento in cui è possibile svapare senza aggiungere nicotina al mix di sostanze da inalare, la sigaretta elettronica è ritenuta perlopiù innocua per la salute, e quindi una “sana” alternativa alle normali sigarette.

Ma, a rigor di termini, l’azione di svapare non corrisponde esattamente a quella di fumare in quanto occorre effettuare dei tiri più lunghi, ma delicati, della durata di 4 o 5 secondi, affinché il vapore penetri lentamente nella bocca. Non c’è allora da meravigliarsi che sul web siano presenti diversi siti interamente dedicati alle e-cig e al loro corretto utilizzo. Per i “neofiti”, ad esempio, si consiglia di iniziare a svapare “di guancia”, ossia facendo passare prima il vapore dalla bocca e successivamente inalarlo.

In definitiva, svapare è stata la tendenza imperante negli ultimi anni, seguita da migliaia di ex-fumatori, ma anche di neo-fumatori, allettati dall’idea di concedersi il piacere di una sigaretta, senza dover preoccuparsi degli effetti collaterali. Inoltre, hanno contribuito a “consacrare” questa moda numerosissimi VIP, come l’attore statunitense Johnny Depp, l’esuberante Paris Hilton, sempre all’avanguardia nel mondo dello spettacolo come nella vita, e perfino il cantante Vasco Rossi, che in passato, aveva cantato ed esaltato le “bionde” Lucky Strike.

In conclusione, grazie alla vasta gamma di dispositivi in commercio, che variano per aspetto, sapore e gusto, svapare non è più una “scelta di ripiego” per chi, armato di grande forza di volontà, ha detto addio alle sigarette, ma è diventato “la prima scelta”, un’autentica passione.

Poiché sia il fumare che lo svapare prevedono l’emissione di sbuffi di fumo/vapore, c’è da chiedersi se le sensazioni di piacere e appagamento, tanto ricercate, non siano da ricercarsi proprio nell’atto di creare e spandere tali getti. Ciò è solo un’ ipotesi ma ci richiama alla memoria una congettura  davvero bizzarra di un cantautore francese degli anni ’60, Serge Gainsbourg, secondo cui: “Dio è un fumatore…Vedo le sue nuvole grigie”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8249 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura 0 Comments

Destinazione giardini, Trenitalia omaggia il Parco della Reggia

Claudio Sacco – Valorizzare il patrimonio botanico e naturalistico dell’Italia intera viaggiando su treni regionali. Nasce con questo obiettivo la partnership tra Grandi Giardini Italiani e Trenitalia. Così si potranno scoprire a

Primo piano 0 Comments

Esposito e De Giovanni alla Parthenope, al via i seminari

Pietro Battarra -Grande successo per i primi due appuntamenti della nuova edizione del ciclo di seminari organizzati nell’ambito del Corso di Studio di Management delle Imprese Turistiche (MIT) della Scuola

Primo piano 0 Comments

Capuanova, a Palazzo Fazio il volume sulla guerra dimenticata

Luigi Fusco -Domenica 26 settembre, alle 18, presso Palazzo Fazio a Capua verrà presentato il volume di Giuseppe Russo “La Guerra dimenticata & i Caduti di Pietra” – The Comicbook

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply