Legambiente. In Italia nel 2015 andati in fumo piu’ di 37mila ettari di superficie

Legambiente. In Italia nel 2015 andati in fumo piu’ di 37mila ettari di superficie

“Hanno poco a che fare con il caldo di luglio le fiamme che da giorni sul Vesuvio e sulla collina dei Camaldoli mettono sotto attacco il patrimonio naturale e di biodiversità della regione e minacciano la sicurezza dei cittadini. Dietro quelle fiamme ci sono mani spinte da interessi criminali. La dinamica è sempre la stessa: si appicca il fuoco in diversi punti del territorio, le fiamme divampano in contemporanea disorientando chi deve intervenire: Vigili del fuoco, Corpo forestale dello Stato, e volontari. Sotto l’odore acre degli alberi incendiati , c’è la puzza insopportabile del malaffare, di interessi che confliggono con il lavoro di prevenzione, salvaguardia degli ecosistemi e valorizzazione delle aree protette svolto dai Parchi italiani. “In una nota Rossella Muroni, presidente nazionale Legambiente commenta gli incendi che in questi giorni hanno colpito il Vesuvio e collina dei Camaldoli.

“Quello del Vesuvio – prosegue Muroni di Legambiente – in particolare, non limita la propria azione alla “protezione della natura”, ma svolge una preziosa opera di educazione e contrasto alle illegalità di vario genere. Un’area protetta che deve resistere all’invasione delle discariche, del cemento abusivo, delle attività economiche illegali. E che lo fa in maniera pro-attiva, puntando sulle produzioni tipiche, sulla natura e sulla promozione della cultura per attrarre turisti e produrre economia sostenibile, benessere diffuso. Questo lavoro prezioso mette però i bastoni fra le ruote agli alfieri dell’economia di rapina, che puntano solo all’accumulazione e per questo non esitano a ricorrere alla violenza e alla corruzione. Che bruciano per svilire e deprezzare il valore del territorio, in modo da poter esercitare il controllo incontrastato e fare i loro affari indisturbati.”

Secondo ultimo rapporto Ecomafia di Legambiente, nel 2015 sono cresciuti gli incendi nel nostro paese, addirittura con un’impennata rispetto al 2014 che sfiora il 49%. Nel 2015 sono andati in fumo, più di 37 mila ettari, e la loro collocazione geografica: più del 56% si è concentrato nelle quattro regioni a tradizionale insediamento mafioso. La Campania registra il numero più alto di infrazioni, 894 (quasi il 20% sul totale nazionale)

“E’ necessario- conclude il presidente nazionale di Legambiente- interventi più incisivi nella fase della prevenzione e della sensibilizzazione, pretendere la piena applicazione della Legge quadro sugli incendi boschivi (la 353/2000 spesso disapplicata dai Comuni). Ma soprattutto dobbiamo rafforzare la vera arma antincendi di cui disponiamo noi cittadini, quella della bellezza e della cura. Questo vuol dire abbattere le costruzioni abusive nelle aree protette per lanciare un segnale chiaro: dove passano le fiamme non sarà posato neanche un centimetro di cemento. Vuol dire, come proponiamo da tempo coinvolgere la popolazione locale nella salvaguardia del territorio partendo dai più giovani, magari attraverso il servizio civile o progetti come Garanzia giovani declinati in chiave di prevenzione antincendio. Vuol dire mostrare con i fatti e con un incessante lavoro di educazione l’importanza, per l’economia e per la coesione di un territorio, di puntare sulle proprie qualità. A ciascuno per il suo ruolo il compito di non mandare in fumo queste opportunità”.

Fonte: Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8699 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

Franco Pepe e Rosanna Marziale: noi per l’Ospedale di Caserta

Maria Beatrice Crisci – «#Insiemefacciamorete, l’individualismo non è mai stata la soluzione! Noi ci siamo». La chef Rosanna Marziale risponde immediatamente all’appello lanciato da Franco Pepe nei giorni scorsi di

Primo piano 0 Comments

Piccole matricole cresceranno, la Sun apre La Foca Gialla

(Beatrice Crisci) – “E’ un’iniziativa innovativa per l’Università. E’ la prima volta che la Sun apre un asilo, ma credo sia anche importante per Caserta, visto che sul territorio non

Attualità 0 Comments

World Kiss Day, il 6 luglio porta la dolcezza tra quadri e foto

Enzo Battarra –World Kiss Day, o se si preferisce Giornata Internazionale del Bacio. Certo, non passa giorno che non sia dedicato a qualcuno o a qualcosa. È anche questo un

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply