L’estate a Santa Maria Capua Vetere, tra sacro e profano

L’estate a Santa Maria Capua Vetere, tra sacro e profano

Luigi Fusco

-Tra sacro e profano è iniziato il “tempo” della festa a Santa Maria Capua Vetere. La città del “foro” è in pieno fermento in questi primi giorni di agosto ’22, dalle riprese nel centro storico della seconda stagione del “Commissario Ricciardi” alla tradizionale celebrazione dell’intronizzazione dell’effige della Beata Vergine Assunta, pregevole scultura realizzata, nel 1837, dall’artista Antonio Migliorini.
Anche la musica e le degustazioni sono state, nel contempo, protagoniste delle varie iniziative culturali promosse dall’amministrazione comunale, guidata da Antonio Mirra, e sostenute dall’Assessorato alla Cultura rappresentato dall’avvocato Anna Maria Ferriero.
A ritmo di swing, suonato presso Palazzo Lucarelli, è avvenuto l’assaggio del tradizionale “tarallo di ferragosto”, una vera e propria prelibatezza dolciaria che viene preparata a Santa Maria Capua Vetere proprio nei giorni della festività dell’Assunta.
L’evento è stato organizzato nell’ambito della rassegna “Musica in Comune”, giunta alla sua terza edizione, che da tempo sta caratterizzando “l’estate sammaritana”. 
La degustazione del “tarallo” è stata offerta da pasticcerie e panifici della cittadina.
La manifestazione è stata concepita con l’obiettivo di rilanciare una delle tipicità gastronomiche di Santa Maria, la cui preparazione è fortemente legata all’aspetto sacro e patronale della città stessa.
Il prossimo appuntamento con la degustazione è previsto per sabato 13 agosto in piazza Mazzini, nel pieno dei festeggiamenti in onore di San Simmaco e della Beata Vergine Assunta.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 705 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Attualità 0 Comments

“Una goccia nell’oceano”, #pocomatanto per arginare la crisi

Maria Beatrice Crisci – “Una goccia nell’oceano” è l’iniziativa messa in campo dai presidenti di Camera di Commercio Tommaso De Simone, Fondazione Banco di Napoli Rossella Pallotta e Confindustria Caserta Gianluigi

Primo piano 0 Comments

Estate da Re a San Leucio, la grande lirica dà lezioni d’amore

Claudio Sacco – Sarà un debutto per Un’Estate da Re al Belvedere di San Leucio. Nell’incantevole borgo casertano il sipario si alzerà su di un doppio appuntamento con la grande lirica. Prima

Primo piano 0 Comments

Teatro Nuovo, Renato Carpentieri in scena con Il Complice

–Renato Carpentieri è regista e interprete de Il Complice di Friedrich Dürrenmatt, una commedia distopica, oltre che metafora ironica di questa nostra “epoca del grottesco e della caricatura”, che sarà in scena giovedì 12

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply