L’etica della scultura. Rosaria Iazzetta alla E23 di Napoli

L’etica della scultura. Rosaria Iazzetta alla E23 di Napoli

Luca Palermo   È una scultura che parla agli uomini quella di Rosaria Iazzetta; è materia che si fa denuncia; è una tragica ironia sulla emergenze e le criticità della società a noi contemporanea; è un percorso etico ed estetico in e su un territorio martoriato da decenni di cattive amministrazioni e pessimi comportamenti civici. Ed è proprio quel territorio, il suo territorio, quella tristemente nota Terra dei Fuochi ad essere il fulcro del ragionamento dell’artista campana.

La mostra SANDWICH, visibile presso la galleria E23 di Napoli (via T.G. Blanch, 23) fino al 23 febbraio 2016, invita il visitatore a confrontarsi direttamente ed emotivamente con tali problematiche; e allora organi umani trafitti da metalli pesanti; un video che mostra le chiacchere demagogiche di politici ed amministratori puntualmente smentite dai dati; un sandwich come incarnazione fisica e materiale delle parole utilizzate dal pentito Carmine Schiavone riferendosi all’interramento dei rifiuti (che “avvenivano a sandwich” per l’appunto).

L’artista non cerca l’interazione con il pubblico; vuole, piuttosto, farsi portavoce dei suoi bisogni e delle sue necessità. I suoi lavori, soprattutto quello di grandi dimensioni, sembrano quasi alieni che, atterrati sulla terra, attaccano con ferocia tronchi di alloro (pianta scelta per le celebrazioni di vittorie e successi, quanta ironia!!!) affinché la loro presenza minacciosa potesse essere motivo di sprono per i “terrestri” a mobilitarsi e a riconquistare la loro terra, quella che i loro simili stanno lentamente distruggendo.

E allora, lunga vita alla scultura “pensante” di Rosaria Iazzetta; una scultura che sembra riecheggiare le parole di Lev Tolstoj: “tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso”. Iazzetta invita, dunque, lo spettatore a riflettere anche su se stesso e sul suo modo di relazionarsi con l’ambiente con il quale quotidianamente si confronto nella convinzione che per ribaltare una situazione divenuta, oramai, quasi del tutto insostenibile, i proclami dei politici e degli amministratori non bastano; ciò di cui si avverte l’esigenza è un cambiamento radicale delle coscienze dei singoli individui.

About author

You might also like

Cultura

Accademia Yamaha, il Concerto per la Pace ha chiuso l’anno

Maria Beatrice Crisci -Grandissima partecipazione al Concerto per la Pace organizzato dall’Accademia Musicale Yamaha di San Nicola la Strada e dall’Accademia Città di Caserta dirette dalla professoressa Mena Santacroce. Un

Primo piano

Camelie. La bellissima di Caserta. A Palazzo Paternò la mostra

Maria Beatrice Crisci – Un’esplosione di colori e profumi in un luogo storico, nel cuore della città, Palazzo Paternò. E’ qui che per due giorni il Garden Club Caserta di

Cultura

Miriam Mafai, una vera donna italiana. Parola di Lidia Luberto

Enzo Battarra – Miriam Mafai è stata partigiana e politica di razza nella prima parte della sua vita, giornalista impegnata e lungimirante nella seconda. Prima cronista parlamentare e prima presidente donna

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply