Lettere dal carcere, un laboratorio di scrittura per i detenuti

Lettere dal carcere, un laboratorio di scrittura per i detenuti

-“Si chiama Epistolario per la libertà ed è un incontro autobiografico tra padri privati della libertà e figli da educare al valore della libertà. Rompiamo la narrativa secondo cui un genitore in carcere può avere pochi spazi per “guidare” un figlio verso la crescita, sono convinta che la gestione sana del rapporto genitore-figlio sia, invece, possibile attraverso varie forme, uno di questi è lo scambio epistolare che educhi al valore della libertà. Lo scopo del laboratorio di scrittura fra le mura della casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere è quello di migliorare il percorso di crescita dei figli con i racconti delle verità dei padri”. Così, l’eurodeputata Chiara Gemma (FdI) che oggi pomeriggio è stata nel carcere sammaritano “Francesco Uccella” per dare il via a un progetto di scrittura con i detenuti. Gemma ha incontrato la direttrice del carcere, Donatello Rotundo, e ha ringraziato anche i rappresentanti della polizia penitenziaria, impegnati 24 ore su 24 nel servizio di ordine e sicurezza in uno dei più grandi penitenziari della Campania. Il progetto epistolare è un modo per avvicinare il mondo dei reclusi ai figli, anche i più piccoli, affinché a questi ultimi non sia negata la possibilità di conoscere la verità sul proprio genitore. “La mancata confidenza dei motivi per cui un genitore è recluso potrebbe essere anche il risultato di una crescita avvenuta all’interno di famiglie nelle quali il dialogo non è stata sempre l’unica via per crescere emotivamente”, continua Gemma, già docente di Pedagogia all’Università di Bari e al Suor Orsola Benincasa di Napoli. Dalla letteratura di settore emerge un quadro di “non detto” ai figli, come se l’omissione delle ragioni della prigionìa sia fonte di un lutto psicologico di cui non si può parlare. Di contro, il laboratorio è un passo in avanti verso lo sviluppo di una maggiore consapevolezza per i reclusi e s’inserisce nelle attività di reinserimento nel mondo sociale che la direttrice del carcere sta favorendo con vari progetti. Fra questi, la sartoria interna alla casa circondariale in cui lavorano trenta detenuti che producono le camicie per gli agenti di polizia penitenziaria di tutta Italia e il nascente canile comunale con un presidio sanitario veterinario dell’Asl. Ora, è la volta del laboratorio di scrittura. Lo scopo è la finalità rieducativa della pena. “Ogni lettera inviata terminerà sollecitando i figli a scrivere qualcosa della propria vita scolastica ai padri, come contro-dono, ciò consentirà – conclude Chiara Gemma – di rinforzare il dialogo, rafforzare la genitorialità del detenuto e insieme il diritto dei figli a conservare un legame affettivo costante con i propri genitori”.

About author

You might also like

Comunicati

Ssireum Festival. Il presidente Giorgi, l’Italia in Sud Corea

(Comunicato stampa) -È da poco rientrata dalla Corea del Sud la Squadra Azzurra di Lotte Tradizionali che ha partecipato al SSIREUM FESTIVAL 2024, nella città di Tongyeong-si. La competizione, organizzata

Comunicati

Ossigeno, scuola-lavoro. Il Giordani e il De Franchis incontrano Simone Polano

-Continua il format ideato da Smart Job SpA che connette gli studenti casertani con le aziende. Si terrà giovedì 13 maggio, dalle ore 9.30 alle ore 11.00 il secondo Digital Talk grazie al quale gli

Comunicati

New2Change, progetto di Informamentis Europa, c’è il bando

(Comunicato stampa) -Si chiama New2Change ed è un progetto di Informamentis Europa in partenariato con CHIRONE Aps; Comune di Caserta; Abroad Consulting (DE) e Amadeus Association (AU), che vuole supportare