Lina Sastri e Enzo Gragnaniello, torna la Notte della Tammorra

Lina Sastri e Enzo Gragnaniello, torna la Notte della Tammorra

-Tammurrianti, danzatrici, musicanti, cantatori alla ricerca delle proprie radici perdute. Torna, il 16 e 17 settembre 2022 a Piazza Mercato, “La notte della tammorra”, il più grande evento campano di musica popolare che il Comune di Napoli offre alla cittadinanza curato dall’associazione “Il canto di Virgilio”. La manifestazione, con Carlo Faiello Maestro concertatore, quest’anno compie 20 anni ed è un appuntamento fisso dell’estate partenopea, per esternare la propria gioia di vivere e ripercorrere a ritroso il sottile sentiero della memoria per poi abbandonandosi all’immaginazione e alla percezione del “Tempo Sospeso”, ciò che il “Tempo Ordinario” sembra voler distruggere.

Il ritorno in Piazza Mercato della Notte della Tammorra ideata dal maestro Carlo Faiello, dopo le ultime diciannove edizioni ambientate altrove, animerà per due sere il palcoscenico d’eccezione nel cuore di Napoli che lo ha reso uno degli eventi tradizionali di musica popolare più attesi. Un appuntamento di folklore unico nel suo genere, al quale va il merito di continuare a promuovere una delle danze più antiche del nostro territorio contribuendo ad arricchire la vasta programmazione estiva di eventi artistici e musicali in città.

L’iniziativa si inserisce nel più ampio progetto Napoli Città della Musica che l’Amministrazione ha avviato proprio nell’intento di utilizzare la musica come sistema d’integrazione multiculturale fra le tante comunità che vivono in città e di contaminazione di generi diversi”, ha dichiarato il Sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi.

“Far conoscere quanto di più significativo esiste e resiste nell’ambito della Cultura Popolare oggi in Campania senza cadere nella trappola dell’oleografia, è questo l’intento della Notte della Tammorra – spiega il maestro Carlo Faiello – Due notti di festa con tantissimi ospiti dove il suono della tradizione rappresenta un punto di partenza forte e vitale verso una musica senza frontiere. La Canzone Popolare inonderà la Piazza di Masaniello per concertare un percorso alternativo di condivisione e valorizzazione del territorio, amplificando, altresì, il richiamo e l’impatto turistico della zona”. Carlo Faiello, di ritorno da un tour europeo di musica popolare, etnocantautore e compositore napoletano, autore di alcune delle pagine più emozionanti della nuova musica partenopea, come ogni anno, sarà il cerimoniere dell’evento.

La kermesse, quest’anno, si divide in due serate ad ingresso gratuito: La Notte delle Radici profonde consente un viaggio nel mondo della civiltà contadina ripercorrendo la semplicità dei canti, delle danze e delle comunità che ancora oggi conservano il fascino del rapporto Uomo – Natura. Dalle 21 saliranno sul palco paranze e musicisti di tutte le province della Campania: Avellino, Benevento, Caserta, Salerno, Napoli.

La Notte delle radici nel cielo permette di uscire dai limiti dei propri confini grazie alla capacità di musicisti e artisti che sanno leggere il passato in chiave contemporanea. Dalle 21 saliranno sul palco con Carlo Faiello e l’Orchestra Notte della TammorraLina Sastri, Enzo Gragnaniello, Giovanni Mauriello e Patrizio Trampetti della formazione storica della NCCP, Dario Sansone, Roberto Colella e poi Raffaello Converso e Paolo Romano che presenteranno un’idea di Roberto De Simone su un brano di Pino Daniele e tanti altri musicisti e gruppi. La Tammurriata finale, anche quest’anno, è affidata a La Paranza do’ Lione.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8697 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Reggia off limits, da domani è chiusura nel rispetto del Dpcm

La Reggia di Caserta, come tutti gli istituti e luoghi della cultura in osservanza del DPCM del 3 novembre 2020, salvo ulteriori indicazioni del MIBACT, chiude al pubblico da domani 5 novembre al 4

Cultura 0 Comments

Nadia Verdile si racconta a Carditello, il libro è “Carne viva”

Claudio Sacco -La scrittrice e giornalista Nadia Verdile stasera al Real Sito di Carditello. Alle 19,30 presenta il suo ultimo libro «Carne Viva. Saga italiana fra Otto e Novecento», pubblicato

Attualità 0 Comments

Gli Amici della Reggia per la rinascita di Palazzo Reale

(Beatrice Crisci)   Al via stamattina i lavori di qualificazione dell’ingresso alla Reggia di Caserta di corso Giannone. Lavori questi promossi dagli Amici della Reggia. L’iniziativa è stata illustrata alla stampa

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply