Linguaggio del corpo e comunicazione non verbale, i gesti e le posizioni

Linguaggio del corpo e comunicazione non verbale, i gesti e le posizioni

Rubrica a cura di Tiziana Barrella

-Esiste un codice silenzioso ma eloquente con cui tutti noi abbiamo a che fare più spesso di quanto immaginiamo fatto di gesti, posizioni, movimenti del corpo e attraverso cui, un individuo esprime ciò che in un dato momento realmente percepisce o sta vivendo al di là di ciò che dice. Molte informazioni su chi circonda e su noi stessi, ci vengono offerte attraverso i movimenti delle mani, dei piedi, attraverso le posizioni assunte dal corpo nello spazio in un dato modo, posizionando il capo o gli occhi in una certa direzione. Conoscere il significato di ciò che facciamo è davvero interessante per autodeterminarsi, per capire meglio ciò che ci succede e le emozioni autentiche in atto e di cui non si è sempre consapevoli.

Normalmente siamo soliti usare il corpo e la gestualità  per meglio definire un discorso, per sostituire una parola o un concetto, per comunicare velocemente un’informazione e per questo abbiamo a nostra disposizione un vero e proprio “pacchetto” di segni convenzionali e di cui il popolo italiano è davvero un gran utilizzatore! Molti di questi segni sono stati addirittura acquisiti dal linguaggio tecnologico e rappresentati graficamente attraverso le famose Emoji, con cui intendiamo rafforzare un nostro pensiero o far comprendere meglio un messaggio scritto che altrimenti sarebbe monco di una parte fondamentale della comunicazione: il linguaggio del corpo. Se vogliamo dire OK  basta congiungere pollice ed indice lasciando libere le altre dita; se vogliamo dire STOP, apriamo il palmo della mano mettendo ben in evidenza le dita; puntiamo l’indice per indicare qualcosa;  alziamo il pollice per dire va bene; congiungiamo le mani per ringraziare.

 E’ bene sapere però che non tutti i simboli sono facilmente riconoscibili in ogni parte del mondo e mentre per alcuni un gesto   assume un significato, per altri potrebbero addirittura essere offensivi o indicare l’esatto opposto.

Il nostro corpo in modo meno certamente meno consapevole, comunica attraverso segnali che un decodificatore o semplicemente un attento osservatore, potrà facilmente distinguere con il grande vantaggio di riuscire a confrontarsi meglio, cambiare rotta quando ci si rende conto che in discorso non siamo ben capiti o il nostro eloquio è divenuto troppo a senso unico e aiutarci a comprendere meglio noi stessi!

Tra i numerosi gesti, impariamo a riconoscerne alcuni partendo dai segnali di gradimento, ovverossia quelli che indicano una piena disponibilità nell’ascolto, una propensione nei confronti del nostro interlocutore  e in ogni caso una forma di favorevole apertura verso una determinata situazione: i gesti e le posizioni dell’accoglienza.

Sedersi a gambe lievemente divaricate e un po’ protese verso l’interlocutore evidenziano che siamo propensi al confronto e non abbiamo alcun disagio in quella specifica situazione; un sorriso a bocca lievemente aperta evidenzia  una propensione all’ottimismo; se in compagnia di qualcuno il tronco del nostro corpo tende ad avvicinarsi nella sua  direzione, questo semplice posizionamento indica un elevato interesse verso ciò che si sta dicendo e più in generale, un’affinità di pensiero con  la persona o le argomentazioni trattate; una stretta a due mani, indica la propensione all’ accoglienza, socievolezza e tendenza alla fiducia.

Le mani aperte  e ben visibili quando parliamo indicano che non abbiamo nulla da nascondere, che ci mostriamo così come siamo. Quando in un discorso diciamo: “non ho nulla, guarda” mostriamo istintivamente le nostre mani aperte e allo stesso modo, posizioneremo inconsapevolmente i nostri organi prensili per avvalorare ciò che stiamo dicendo.

About author

Tiziana Barrella
Tiziana Barrella 39 posts

Avvocato del Foro di Santa Maria Capua Vetere. Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Giuridico Italiano. Segue numerose attività formative per alcune Università italiane. Svolge docenza e formazione per enti pubblici, privati e università. Profiler e studiosa di criminologia e psicologia comportamentale, nonché specializzata già da anni, nello studio della comunicazione non verbale e del linguaggio del corpo, con una particolare attenzione rivolta al significato in chiave criminologica delle azioni eterolesive ed autolesive, necessarie per la redazione di un profiling.

You might also like

Editoriale 0 Comments

San Giuseppe, un tempo giorno della paglietta e Zeppola Day

Enzo Battarra – San Giuseppe, la festa del papà, la morte di don Peppe Diana, la zeppola. Il 19 marzo ci si sveglia e non è un giorno come gli altri. Quest’anno poi, davvero

Editoriale 0 Comments

La notte che Caserta scoprì come è bello dipingere la musica

Magi Petrillo (ph di Pino Attanasio) – Al teatro Comunale di Caserta gremito fino all’inverosimile è andata in scena «La Musica dipinta. paralipomeni di una sinestesia». Iniziativa ideata da Sergio

Editoriale 0 Comments

S’accendono i fuochi, è Sant’Antonio a dare inizio al Carnevale

Testo di Augusto Ferraiuolo – Foto di Antonio Pascarella – “Sant’Antuono, maschere e suono”. Con questo detto veniva segnalato in Terra di Lavoro l’inizio del Carnevale, che ovviamente avrà il suo punto

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply