Luciano Galassi alla libreria Spartaco di Santa Maria Capua Vetere

Luciano Galassi alla libreria Spartaco di Santa Maria Capua Vetere

La cultura napoletana offre una miriade di detti, motti, locuzioni che, se pronunciati in maniera opportuna, possono sostenere un atteggiamento, una chiarificazione, un richiamo, una stroncatura, una definizione. A spiegare l’origine letteraria del termine “wellerismo” e illustrare i più efficaci modi di dire partenopei sarà Luciano Galassi, autore del libro “Wellerismi napoletani. Motti, locuzioni e detti della Napoli antica e moderna” (ed. Kairós). L’appuntamento, del ciclo “Scrittori in carta e ossa. Una sera con…”, è per mercoledì 8 giugno 2016, alle ore 18, nella Libreria Spartaco di via Martucci 18 a Santa Maria Capua Vetere (Ce). Introduce e presenta Paolo Laudisio.

Il libro
Più di trecento notazioni, dettagliate con chiarimenti storici, antropologici e linguistici, fanno di “Wellerismi napoletani Motti, locuzioni e detti della Napoli antica e moderna” un libro-corollario a dizionari e a vocabolari della lingua napoletana. L’acuta sapienza dei motti assume il valore profondo di un repertorio storico, che al lettore fornisce argomento di riflessione e di conoscenza della forma e del contenuto fantasioso della cultura napoletana. Un intreccio variegato e composito, che affascina e arricchisce per la capacità di essere presente, provenendo dalla forza evocativa del passato.

L’autore
Luciano Galassi vive e lavora a Napoli. È appassionato di letteratura e di lingua napoletana, collabora con il mensile “Il Vomerese”, con il web-magazine “Napoliontheroad” e con la rivista on-line “Vesuvioweb”. Insegna Lingua e cultura napoletana, Pagine di letteratura italiana del Novecento e Lingua spagnola di base alla LUETEC – Libera Università per la Terza Età della Campania. Amante dei giochi di parole, da anni è collaboratore esterno de “La settimana enigmistica”.

I prossimi appuntamenti alla Spartaco:
Sabato 18 giugno 2016, dalle 18 alle 24: per “Letti di Notte. La notte bianca del libro e dei lettori” Libreria Spartaco adotta la città di Londra. Maratona di scrittura creativa con Paolo Graziano e Rossella Tempesta aperta a tutti.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7909 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Reggia di Caserta e Belvedere di San Leucio: primo atto per una gestione unitaria

(Beatrice Crisci) – È il momento che la gestione del patrimonio Unesco casertano, vale a dire la Reggia, il Belvedere di San Leucio e l’Acquedotto Carolino, abbia una visione unitaria.

Primo piano 0 Comments

Il Grand Food arriva a Caserta, incontro in Enoteca provinciale

Regina Della Torre – “Il Grand Food. L’arte mangiata. Percorsi di gastronomia artistica in Campania”. È il titolo del libro di Elisabetta Donadono, ristampato da Homo Scrivens Editore, che viene

Primo piano 0 Comments

Un nonno tra massoneria e fascismo, il libro di Adolfo Villani

Luigi Fusco -«Massoneria, liberalismo e fascismo in Terra di Lavoro. Alla scoperta di mio nonno, Enrico Villani (1871-1945), studioso, massone, fascista e primo sindaco di Ailano dopo la Liberazione del

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply