Mano de Dios, l’immagine di Maradona un’icona pop mondiale

Mano de Dios, l’immagine di Maradona un’icona pop mondiale

Luigi Fusco

Processed with VSCO with a6 preset

– Campione indiscusso del calcio, idolatrato da milioni di tifosi in tutto il mondo, amante della vita fino agli eccessi. In sintesi, questi sono stati gli aspetti più salienti che hanno caratterizzato la figura di Diego Armando Maradona, ex giocatore del Napoli e dell’Argentina finito prematuramente.

La sua fama, oltre che alle imprese di goleador e soprattutto ai trofei raggiunti, è stata, nel tempo, contornata da una serie di episodi riguardanti il suo personaggio, i cui tratti spesso si sono confusi con narrazioni leggendarie dalla chiara diffusione popolare. Già dopo la sua esperienza con il Barcellona, avvenuta tra alti e bassi e conclusasi con un grave infortunio, era opinione pubblica che Maradona fosse finito, invece, a seguito della sua riabilitazione, avvenne il suo primo miracolo; quasi come un novello Lazzaro si rialzò per assurgere a nuova vita.

La sua ascesa nel gotha dei grandi campioni mondiali del calcio avvenne a Napoli. Diego Maradona fece il suo arrivo allo Stadio San Paolo dall’alto, ricevuto da tifosi festanti intenti a celebrare il salvatore della squadra, un uomo di cui non sapevano quasi nulla, se non che era stato pagato un sacco di soldi.

Era giunto nella città partenopea il messia del pallone, accolto da migliaia di bandiere azzurre, metaforicamente paragonabili, per l’occasione, alle palme quale simbolo di resurrezione dei martiri. Da quel momento in poi, venne a definirsi l’immagine Pop di Maradona, la concretizzazione di un’icona contemporanea, la cui diffusione si è poi diffusa in tutta il mondo.

Al riguardo, basti pensare alla composizione di brani musicali dedicati al pibe de oro, alle famose parrucche di Maradona, tanto ricordate nel film Il Mistero di Bellavista di Luciano De Crescenzo; ancora, nella medesima pellicola si assiste ad un ulteriore omaggio al grande calciatore, la breve lirica recitata dal personaggio Luigino il poeta. Un vero e proprio intreccio di rimandi devozionali rivolti a San Gennaro e a Maradona che si conclude con il verso ma ‘na finta ‘e Maradona squaglie ‘o sang rint’ ‘e vene.

Tutto, infine, gira attorno al sangue e ai suoi effetti benefici, proprio a Napoli, città, che, già nel Seicento, era stata definita Urbs Sanguinium per le sue tremila e più portentose reliquie conservate.

La giocata di Maradona è stata considerata, da sempre, la manifestazione di un prodigio, come quello che venne compiuto durante la partita tra l’Argentina e l’Inghilterra, svoltasi durante i Mondiali dell’86, che gli valse l’appellativo di Mano de Dios.

Maradona scappò da Napoli nel 1991, inseguito dalla legge, così come aveva fatto Caravaggio nel giugno del 1610, un mese prima di morire. Oltre i grandi murales a lui tributati nel tempo, come quello di Jorit, a Napoli della sua memoria continueranno a conservarsi numerosi memorabilia e reliquie, soprattutto quella ciocca di capelli, custodita, in modo sacro, all’interno dell’edicola votiva posta in piazzetta Nilo, che, nel 1987, anno dello scudetto, gli fece avere il titolo di San Gennarmando, la cui gloria sarà imperitura.

Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6607 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

“Donna come tutte le altre”, un convegno alla Parthenope

(Mario Caldara) – C’è un dato evidente e, ammettere la sua esistenza, lascia parecchia amarezza: la società, qualunque siano i confini geografici o la lingua parlata, poggia purtroppo su un

Arte

Itinerari dell’anima. Giorgio Agnisola al PalArti di Capodrise

Claudio Sacco – Il PalaArti di Capodrise si prepara ad un nuovo appuntamento dopo lo straordinario successo della mostra su Andrea Sparaco, per il ciclo “Letterature”. Sabato 18 novembre alle 17,30,

Primo piano

Il gastronauta, quel viaggiatore culturale al servizio del gusto

Cristina Carraturo *                                                                                                       “Il Gastronauta® è un cacciatore del gusto. Per lui il cibo è uno strumento del sapere, un modo per conoscere storie, tradizioni, luoghi, uomini e paesaggi”. A offrirci

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply