Medici certificatori. Manzi, un corso con Inail e Asl Caserta

Medici certificatori. Manzi, un corso con Inail e Asl Caserta

Maria Beatrice Crisci

-«A breve daremo avvio a corsi di formazione per medici prescrittori. Lo faremo in accordo con l’Inail e l’Unità formativa dell’Asl». Ad annunciarlo è stato il presidente dell’Ordine dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri (OMCeO) di Caserta Carlo Manzi nel corso del convegno “Incontri tematici tra Inail e Patronati: Focus point” al Real Belvedere di San Leucio. Iniziativa questa promossa dall’Inail e alla quale l’Ordine ha partecipato, perché molte attività dell’Ente si intersecano con quelle dei medici, soprattutto dei medici certificatori.

Queste le parole del presidente Manzi: «Abbiamo un dato in provincia di Caserta: il più basso numero di certificati di denuncia di infortunio sul lavoro rispetto alle altre province della Campania. Siamo fanalino di coda. Questo dato può essere letto positivamente dai meno esperti, ma anche negativamente. I motivi sono vari. C’è chi attribuisce la colpa al medico perché non vuole denunciare l’infortunio. Altri, invece, dicono che la colpa è del paziente lavoratore che ritiene sia gravoso per la sua azienda, e quindi ha paura di denunciare. E ancora, c’è chi dice che il datore di lavoro impone al lavoratore di non dire al medico che si è infortunato sul lavoro. Va detto poi che la piattaforma telematica dell’Inail per l’invio della denuncia da parte del medico è farraginosa rispetto alla classica denuncia di malattia Inps. Quindi, il medico ha difficoltà perché richiederebbe molto tempo la compilazione di questa denuncia tramite piattaforma Inail, che andrebbe migliorata. Tutte queste le motivazioni che portano a questi dati e a essere ultimi in Campania. Da qui, l’organizzazione dei corsi di formazione per i medici prescrittori. La novità sta nel coinvolgimento dell’Asl. In particolare dell’Unità operativa formazione. Questo permetterà di fare l’aggiornamento anche ai medici del corso di formazione specifica di medicina generale, cioè i futuri medici prescrittori. Quindi, faremo questo corso di formazione sulle certificazioni mediche e sulle relative modalità di invio telematico».

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9782 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Valentine’s day letterario, Marco Polani ospite di Spartaco Live

Pietro Battarra – C’è anche il Valentine’s day letterario come quello proposto dalla Libreria Spartaco di Santa Maria Capua Vetere. Oggi alle 18, sulla pagina Facebook della Libreria Spartaco incontro

Primo piano

Finisce un’epoca alla Reggia, a ottobre Felicori va in pensione

Maria Beatrice Crisci – «In ragione della legge sulla quiescenza obbligatoria per limiti di età dei dipendenti pubblici, il mio contratto con lo Stato come direttore della Reggia di Caserta

Primo piano

Venerdì 17. “Non è vero ma ci credo”, ma è solo superstizione

Maria Beatrice Crisci (in copertina opera di Andrea Petrone) -Oggi venerdì 17, un giorno considerato da molti sfortunato. Una data in cui la sfiga è dietro l’angolo. «Non è vero