Michele Casella, a Caserta l’innovazione ha un gusto classico

Michele Casella, a Caserta l’innovazione ha un gusto classico

Claudio Sacco

– Lui è tra i giovanmichele casella 2 (1)i talenti casertani che ha deciso di rimanere nella sua città. Michele Casella, classe’81, formazione classica, prima al liceo Pietro Giannone e poi alla Federico II, trasmette positività, allegria e passione in tutto ciò che fa. Sul Mattino di Caserta, la giornalista Maria Beatrice Crisci lo definisce “un eterno ragazzo e la carica di positività che trasmette è davvero coinvolgente”. E come darle torto!

Formatosi al laboratorio teatrale Franco Carmelo Greco. Regista e autore di testi, ma anche docente di materie umanistiche in un liceo classico del Vomero, Michele ha sempre avuto un grande amore per il teatro fin da piccolo. “Mentre gli altri giocavano a calci – racconta al Mattino –  io invece volevo recitare. Quindi, qualsiasi occasione era buona per fare spettacoli o partecipare a laboratori. Volevo imparare. Poi, al liceo il professore di filosofia Sacco, che conosceva la mia passione, mi ha coinvolto in uno spettacolo di Pirandello. Invece, la professoressa di latino e greco Lidia Filauro mi ha trasmesso un grande amore per il teatro classico. Ricordo che quando spiegava “Medea” e altri testi, io mi perdevo ad ascoltarla. Mi sembrava di riviverli. Per me è stato determinante successivamente». Con il cuore sempre a Caserta, Michele, che ama la mia città anche con le sue «contraddizioni. E qualora dovessi allontanarmi per lavoro, è sicuro che poi ritornerei sempre».

Tante le esperienze, una lunga carrellata che va dal Settembre al Borgo con Mariella Nava a “Buonanotte Oreste” nell’ambito del circuito dei “Teatri di pietra”. Poi, il Fringe Festival con il testo delle “Città invisibili” per il Napoli Teatro Festival. Ha recitato nel film “Quo vado?” di Gerardo Nunziante con Checco Zalone. E ancora, ideatore e direttore della collana di libri per bambini “Storie di cuore” per le Edizioni paoline. «È questa la casa editrice – racconta ancora al Mattino – con cui ho pubblicato testi teatrali e canzoni per bambini come “Il viaggio del girasole” o “Una sirena di nome Serena”. Ho ideato e curato il libro “Un papà con gli alamari” di Nando, Simona e Rita dalla Chiesa. È stata questa una esperienza toccante. Poi, il lavoro con Annalisa Minetti che ho affiancato nella stesura del suo volume “Iride. Veloce come il vento” nel periodo in cui ha vinto le paraolimpiadi». E non ultima per Michele la soddisfazione del premio, il «Candelaio junior». Così nell’intervista al Mattino: «È sempre una gioia ricevere un premio. La gioia è doppia se è condiviso con autrici affermate come Fulvia Degl’Innocenti, Anna Sarfatti e Cristina Zagaria, delle quali mi considero un po’ un fratello minore che ha ancora tanto da imparare. Ed è tripla se la realtà che propone l’evento è formata da energiche donne, ottime professioniste, che educano i bambini alla bellezza come Rosa Barone, Chiara Patarino e Autilia Napolitano. La gioia poi è incommensurabile se a scegliere di attribuirti il premio sono stati i bambini. Dedico la gioia di questo premio a tutti i bambini che ho incontrato e che incontrerò, al bambino che sono stato e… che forse (sicuramente!) sono ancora».

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7806 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Libreria Che Storia, il cucito si fa creativo per miniapprendisti

Claudio Sacco -«Insegnare ai bambini e alle bambine a cucire, una delle abilità manuali per eccellenza, è un ottimo modo per stimolarli a essere attenti, precisi e anche creativi. La

Comunicati 0 Comments

Il cielo sopra Carditello, volano alte le mongolfiere sul Festival

-Il Real Sito di Carditello mette le ali, sabato 7 agosto, con la magia della mongolfiera e il concerto di Giovanni Caccamo, che presenterà in anteprima al Carditello Festival il nuovo concept album “Parola”. Ad accompagnare sul

Primo piano 0 Comments

CortiSonanti, la sperimentazione video nel festival al PAN

Il Festival di cortometraggi, nato nel 2010 da un’idea di Mauro Manganiello e Nicola Castaldo, accoglie lavori editi e inediti, lasciando ai partecipanti piena libertà sulle tematiche da trattare. Mira

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply