Migranti a Castelvolturno. Sgambati: Martedì audizione alla commissione parlamentare

Migranti a Castelvolturno. Sgambati: Martedì audizione alla commissione parlamentare

“La presenza massiccia di migranti presenti a Castel Volturno, che non ha eguali in Europa (oltre il 50% della popolazione residente), sta minando in modo preoccupante la pacifica convivenza civile che finora era assicurata dai servizi comunali, dalle strutture sanitarie e dalle associazioni di volontariato.  Queste ultime senza risorse umane e finanziarie straordinarie, non possono più assicurare la minima  assistenza sanitaria, sociale e materiale. Il fenomeno, pertanto, deve necessariamente essere portato a conoscenza delle competenti sedi parlamentari.  A tal fine, il Presidente On. Federico Gelli, martedì prossimo, alle ore 11 sentirà in audizione il Sindaco della Città di Castel Volturno, Dimitri Russo, ed il Presidente della Clinica “Pineta Grande”, Vincenzo Schiavone, dinanzi alla Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema di accoglienza, di identificazione ed espulsione, nonchè sulle condizioni di trattamento dei migranti e sulle risorse pubbliche impegnate”.

Ad annunciarlo l’On. Camilla Sgambato (Pd) che, nei giorni scorsi, era stata interessata della problematica dal primo cittadino della comunità litoranea e dal titolare della prestigiosa struttura sanitaria. 

“La seduta della Commissione Cie di martedì sarà l’occasione utile per illustrare il modello di integrazione sociale e culturale che viene attuato da anni a Castel Volturno, e portare alla ribalta nazionale lo straordinario esempio di servizi di cura e assistenza che da tempo ormai vengono garantiti agli immigrati, dai bambini agli anziani fino alle donne, presso la casa di cura di proprietà della famiglia Schiavone”. 

La parlamentare del Partito Democratico anticipa anche un altro aspetto che sarà toccato in audizione: 

“Verrà affrontata anche la questione relativa alle condizioni di permanenza dei migranti e all’efficienza delle strutture al fine di prevenire contrastare eventuali condotte illegali e atti lesivi dei diritti fondamentali e della dignità umana. Il modello Caserta è anche e soprattutto questo.”, conclude Sgambato.

Fonte: Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8715 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Covid19, donazioni dai commercialisti di Caserta pro Ospedale

Maria Beatrice Crisci – «Questa assurda situazione di rischio sta mettendo a dura prova tutto il sistema Italia e collassando le nostre strutture sanitarie, fortemente compromesse dalle crescenti necessità e

Primo piano 0 Comments

Patto tra Fondazioni, più visibilità per la Reggia di Carditello

Claudio Sacco – Tra la Fondazione Real Sito di Carditello presieduta da Luigi Nicolais e la Fondazione Carditello guidata da Rossella Bicco, presidente dell’Ordine degli Architetti, è stato firmato un

Comunicati 0 Comments

Giù gli smartphone, San Valentino alle Tre Farine è solo amore

Claudio Sacco -Tre Farine, con i suoi ristoranti nel centro di Caserta e di Aversa, intende celebrare l’amore nella sera di San Valentino, offrendo un’esperienza diversa dal solito: l’operazione “Una

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply