Napoli, al Comicon Edoardo De Angelis su cinema e stampa

Napoli, al Comicon Edoardo De Angelis su cinema e stampa

Enzo Battarra

Comicon 1Cinema e giornalismo raccontano storie, ma ai film è concessa la licenza di narrare il fantastico, mentre la stampa dovrebbe attenersi a registrare la realtà, o forse la verità, o forse una delle possibili realtà/verità. C’è poi il giornalismo culturale che raccontando di cinema, teatro, arte, musica, letteratura e tante altre discipline, finisce per narrare quello che è creatività, fantasia. Quindi, il giornalismo culturale non può raccontare la realtà/verità, ma deve raccontare fantasie. Se poi, il giornalista culturale è anche lui un creativo, allora si avrà l’interpretazione fantastica di una creazione, insomma un doppio salto fuori della realtà.

Comicon 2Sono queste le riflessioni che nascevano seguendo il corso di formazione su “Giornalismo e cinema” organizzato da Ottavio Lucarelli, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, al Teatro Mediterraneo della Mostra d’Oltremare di Napoli. Ospite d’onore il regista Edoardo De Angelis, ormai uomo di punta del cinema internazionale, figlio della Campania Felix, con un vissuto tra Caserta e Napoli. A relazionare Gina Annunziata, docente di storia e critica del cinema all’Orientale.

E mentre in aula Edoardo De Angelis abilmente rispondeva ai serrati quesiti posti dai giornalisti sul rapporto tra stampa e cnematografia, ecco l’intera Mostra d’Oltremare venire pacificamente invasa da migliaia di giovani appassionati di cartoon e fumetti. E così nel mondo reale dell’architettura severa della fiera napoletana, ecco spuntare e prendere letteralmente vita i personaggi della finzione, gli eroi di cartone. Capelli verdi, spade finte, trucchi truculenti, tute improponibili. Ecco gli esponenti del cosplay incedere tra i viali, tra l’ammirazione dei “borghesi” e i sorrisi dei curiosi. Poi gli incontri. L’Uomo Ragno si incrocia con SpongeBob, un incontro impossibile nella finzione, che invece diventa reale. I due si riconoscono e si abbracciano. La storia dimostra di superare la fantasia.

 

Condividi questo articolo:

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 5543 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Un’Estate da Re, la notte sarà magica all’Aperia con Uto Ughi

Maria Beatrice Crisci – Sarà l’atmosfera magica dell’Aperia ad accogliere sabato 14 luglio il concerto di Uto Ughi. L’evento in programma per la rassegna «Un’Estate da Re» era previsto precedentemente

Condividi questo articolo:
Cultura

#discorsiindivenire presenta l’altro casalese di Miggiano

Claudio Sacco -Si chiama #discorsiindivenire, la rassegna letteraria itinerante di musica e parole ideata da Alessia Guerriero. Il nuovo incontro che sottolinea anche la collaborazione con lo store di Andrea De Lucia di

Condividi questo articolo:
Primo piano

Lisbon Story, premio all’innovazione per l’Ospedale di Caserta

Claudio Sacco   – Conferito a Lisbona dall’Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologie (EIT Health) il premio “Innostars Headstart 2019 “ per l’ideazione e la realizzazione di un dispositivo indossabile,

Condividi questo articolo:

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply