Napoli, alla Misericordiella la personale di Valentina Palazzari

Napoli, alla Misericordiella la personale di Valentina Palazzari

Maria Beatrice Crisci (ph Pino Attanasio)

valentina palazzari– È la Chiesa di Santa Maria della Misericordia ai vergini ad accogliere la personale di Valentina Palazzari «Si sta come d’autunno». È un progetto site specific dedicato agli spazi della chiesa e agli ambienti ipogei, curato da Davide Sarchioni. Ad accogliere lo spettatore è un tappeto di foglie morte. La mostra è presentata sotto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, in collaborazione con La Di-Art e TerraMedia. Alla chiusura, prevista per il 7 gennaio, sarà presentata una pubblicazione, con testi di Bruno Corà e Davide Sarchioni. Enzo Battarra su Mattino scrive: “Un tappeto di foglie morte accoglie lo spettatore. Tutto il pavimento della chiesa è inondato da queste fragili prepinoattanasio© (1) ridottasenze segnate dal tempo, lievi relitti vegetali senza più vita, raccolti lungo le strade della città. E qui il riferimento ai versi di Giuseppe Ungaretti, che danno il titolo alla mostra, è esplicito. «Si sta come d’autunno», e viene da aggiungere «sugli alberi le foglie». E tutta la precarietà della vita è nel titolo della poesia: «Soldati». Ma qui c’è già stato il distacco dalla pianta, la morte non è più annunciata, ma è avvenuta. E pur si muove, il magico tappeto naturale viene agitato da dieci ventilatori industriali. Le foglie morte, e qui viene alla mente un’altra celebre citazione, si rimettono in movimento, vivono nella vastità di un’architettura eloquente. «Oh, vorrei tanto che tu ricordassi», altri versi, quelli di Jacques Prévert. E in un soffio di vento artificiale si ha la consapevolezza di essere entrati in un luogo della memoria“. Lo stesso soffio, che è anima mundi, accompagna il visitatore che accede all’ipogeo della chiesa. Qui si viene investiti da una musica lineare, un vento di suoni che nasce dai sotterranei e rende vigili le coscienze. Tutto è fragile, fugace, transitorio. Eppure le foglie tornano a nuova vita e la musica riempie gli spazi vuoti dell’architettura. Il suono diventa presenza.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6238 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

A Napoli l’ospite illustre è l’Arlecchino di Picasso. E il Caravaggio va a Madrid

(Enzo Battarra) –  Palazzo Zevallos Stigliano non è solo un edificio monumentale nel salotto della città, lungo via Toledo, ma è per i napoletani e per turisti e visitatori un luogo

Arte

Sara Lubrano, un talento femminile nel Tesoro di San Gennaro

(Claudio Sacco) – L’associazione EnterprisinGirls presenta Sara Lubrano, la prima donna artista-artigiana vivente la cui opera-gioiello viene ritenuta degna, dalla Eccellentissima Deputazione della Cappella del Tesoro di San Gennaro, di

Primo piano

Lotto infinito. Il nuovo disco di Enzo Avitabile

Giorgia, Francesco De Gregori, Mannarino, Renato Zero, Caparezza, Angela e Marianna Fontana,  Daby Tourè, Pippo Delbono, Paolo Fresu, Giovanna Marini, Hindi Zahara e Lello Arena nel nuovo disco di inediti di

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply