Napoli, ‘o munaciello guida nel sottosuolo tra teatro e storia

Napoli, ‘o munaciello guida nel sottosuolo tra teatro e storia

(Mario Caldara) – Napoli non è solo quella che si vede, la città luminosa, abbagliata da un sole cocente d’estate, bagnata dal mare, che pullula di turisti. Napoli sa anche essere altro, un mondo sconosciuto a molti, a tratti inesplorato. Un mondo che se ne sta lì, metri e metri sotto i piedi di chi vive la città, al buio, col suo fascino, ad attendere occhi curiosi.

Grazie al Museo del Sottosuolo di Napoli, l’attesa e la curiosità possono essere ripagate. Fino a maggio, per ogni fine settimana dal venerdì alla domenica, è possibile visitare parte del sottosuolo partenopeo, ma non si tratterà di una semplice visita. Quanto organizzato, infatti, è la perfetta sintesi tra cultura e storia del territorio. A Piazza Cavour, il numero 140 apre le sue “anonime” porticine, rendendo accessibile al pubblico una delle tante cavità che conducono al sottosuolo della città. E se questo significa poter intraprendere un percorso storico che parte dai greci e arriva a periodi più recenti, c’è dell’altro a rendere l’esperienza particolarmente caratteristica e – perché no – anche un po’ bizzarra. Chi si addentrerà nei meandri sotterranei, infatti, lo farà al seguito di una figura insolita, simbolo del connubio creato per l’occasione, quello tra storia e teatro.

‘O munaciello, la figura cui si alludeva, guiderà i turisti e teatralizzerà l’atmosfera, riprendendo i segni caratteriali dello storico personaggio per riproporli al pubblico. Secondo la leggenda, si tratta di uno spiritello del folklore napoletano che si mostra buono con chi lo rispetta, mentre non risparmia dispetti a chi lo maltratta. Egli farà strada tra i diversi passaggi, facendo sì che la visita si trasformi in un amalgama di divertimento, teatro e storia. E proprio quest’ultima avrà un particolare risalto: luogo utilizzato dai napoletani nella seconda guerra mondiale per mettersi in salvo dai bombardamenti, la parte di sottosuolo che sarà possibile visitare, dopo i tanti decenni trascorsi, presenta tracce del ricovero antiaereo. Tazzine, isolatori di ceramica, bottiglie di vetro, scritte sui muri tracciate con il carboncino, sarà come rivivere la quotidianità, purtroppo tragica, di quella gente segnata dall’orrore della guerra, che cercava di dare un senso a giorni strazianti e che, magari, anche se al sicuro lì sotto, in momenti particolarmente critici, con gli occhi verso l’alto, udiva in lontananza il rumore degli aerei come autentica “voce della paura”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7467 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Casertani illustri. Francesco Daniele, noto storico e letterato

Luigi Fusco – Storico, letterato, antiquario. Questi sono stati i ruoli ricoperti da Francesco Daniele, intellettuale casertano vissuto tra i secoli XVIII e XIX. Nato, nel 1740, presso la piccola

Primo piano 0 Comments

Ferragosto con la tammorra, la Napoli musicale festeggia così

Claudio Sacco  – A Napoli il Ferragosto si festeggia sul Lungomare Caracciolo. Torna l’appuntamento più importante dell’estate partenopea con la musica folk. La Rotonda Diaz ospita il 15 agosto alle

Attualità 0 Comments

Caserta città delle donne. Marino promette metà giunta al femminile

“La metà della mia giunta sarà al femminile. Noi siamo orgogliosamente forti nella nostra proposta e siamo orgogliosi delle nostre donne”. Così Carlo Marino nell’affollata sala del Royal per il

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply