Napoli Teatro Festival, debutta la “notte sbagliata” di Baliani

Napoli Teatro Festival, debutta la “notte sbagliata” di Baliani

Pietro Battarra

Napoli Teatro Festival Italia,DEVORAH_MAJOR_2-min diretto per il terzo anno da Ruggero Cappuccio, debutta sabato 22 giugno al Teatro Nuovo alle ore 21 in prima assoluta con Una notte sbagliata di e con Marco Baliani, diretto da Maria Maglietta. E’ questo un nuovo esperimento di teatro di post narrazione, in cui il racconto orale non riesce più a dispiegarsi in un andamento lineare, ma si frantuma, produce loop verbali in cui il tempo oscilla, senza obbligati nessi temporali. Sempre alle 21 al Teatro Sannazaro va in scena 4.48 Psychosis, il testo di Sarah Kane viene proposto in forma di sinfonia per voce sola da Enrico Frattaroli, in scena Mariateresa Pascale, Patrizia Polia (soprano), Diego Procoli (pianoforte). Per la sezione Osservatorio, nel Cortile delle Carrozze di Palazzo Reale alle 21 è previsto Jenga – L’ultima mossa del becchino, spettacolo di nuova drammaturgia, scritto e diretto da Alberto Mele e Marco Montecatino, che ne è anche interprete con Pietro Tammaro, Chiara Vitiello, Marco Fandelli. Proseguono gli appuntamenti con la sezione Letteratura, come di consueto alle ore 19.00 nella nuova location di Made in Cloister, dove sarà ospite una delle maggiori poetesse polacche, Ewa Lipska, con i traduttori Marina Ciccarini e Marco Bruno e, a seguire, Devorah Major — terza Poet Laureate di San Francisco — con Gaspare Di Lieto al pianoforte.
Ultima replica di Underground – Roberta nel metrò, alle ore 11.30, lo spettacolo per venti spettatori in viaggio pensato per le metropolitane di Torino, Roma, Napoli, Milano, Parigi e Berlino della compagnia italo-australiana Cuocolo/Bosetti; ore 12.00, 17.00, 19.00, 21.00 Essere Dylan Dog, progetto a cura del Comicon, ospitato presso Palazzo Venezia – A ‘Mbasciata (prosegue il 23 giugno ore 12.00, 17.00, 19.00, 21.00); ore 19.00 e 21.00 a Palazzo Fondi, Sirene, signore e signorine, progetto a cura di Marina Rippa per F.PL. Femminile Plurale (prosegue il 23 giugno ore 19.00 e 21.00); ore 19.00 alla sala Assoli, Sous un ciel bas تحت سماء و١طئة Under a low sky del regista siriano Waël Ali; ore 20.30 al Real sito di Carditello, Par les temps qui courent… Diario di viaggio della compagnia Cie Carabosse; ore 21.00 al Teatro Grande di Pompei, nell’ambito di Pompeii Theatrum Mundi, La Tempesta di Shakespeare per la regia di Luca De Fusco. La serata si conclude alle 22.30 nel Giardino Romantico di Palazzo Reale con il cinema al Dopofestival, rassegna curata da Roberto D’Avascio per Arci Movie, che presenta Macbeth di Roman Polanski.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7642 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

Vittime del web. La Regione Campania si attiva

La Regione Campania, per iniziativa del Presidente Vincenzo De Luca, si è attivata per costituire un fondo da mettere a disposizione di chi subisce violazioni della privacy sul web, destinato

Comunicati 0 Comments

Alfredo Cerrone, da Castel Volturno in tv con Generazione 56K

Maria Beatrice Crisci -Alfredo Cerrone, giovanissimo attore di 14 anni, vive a Castel Volturno ed è originario di Napoli. È tra i protagonisti di Generazione 56K, la nuova serie italiana Netflix, prodotta

Primo piano 0 Comments

Fotoscioppare, quando lo smartphone ti fa bella

Nicla Mercurio – Nell’era del web 2.0, in cui l’apparire ha più importanza dell’essere, è diventato molto comune imbattersi in una nuova patologia, definita “narcisismo digitale’’. Sui social network come

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply