Nascita dei calendari, dalle chiese romaniche a Frate Indovino

Nascita dei calendari, dalle chiese romaniche a Frate Indovino

Luigi Fusco

– Sin dall’antichità l’uomo si è impegnato nel dare una personificazione ai 12 mesi dell’anno. Con l’età medievale, poi, è stato codificato un vero e proprio repertorio illustrativo, supportato da un ampio bagaglio tematico contenente diversi motivi rilevati dal mondo vissuto: da quello religioso a quello civile, senza trascurare gli aspetti legati all’universo folkloristico, agrario e produttivo.

Da quest’articolata dinamica concettuale è, infine, emerso uno specifico linguaggio figurativo avente una propria caratterizzazione narrativa e una precipua dimensione allegorica.

All’epoca carolingia risale la prima e sistematica organizzazione figurale, destinata a codici miniati e arazzi, del ciclo dei mesi e delle attività connesse. Dal punto di vista iconografico, molti dei soggetti o dei temi raffigurati vennero presi in prestito dall’età classica. Successivamente, cominciarono a comparire anche i simboli zodiacali, la cui rappresentazione era stata mutuata dalla tradizione iconica bizantina. A partire dal secolo XI, tali immagini entrarono a far parte dei cicli monumentali figurativi delle cattedrali d’Europa, sia in forma pittorica che scultorea.

Dalla Francia all’Italia, soprattutto nelle chiese poste lungo la via francigena, ancora oggi è possibile vedere numerose opere in cui sono illustrati i mesi e i lavori che sono collegati.

Di esempi del genere ve ne sono anche in Terra di Lavoro. In particolare, molto interessanti sono gli ornamenti scultorei del portale della Cattedrale romanica di San Pietro nella cittadina di Sessa Aurunca. Oltre gli episodi della vita dell’apostolo Pietro, vi sono le scene relative al ciclo dei mesi. In ordine, appaiono: un vecchio che si scalda al fuoco, che simboleggia gennaio; un pescatore, febbraio; uno spinario e una donna con un bambino, che rappresentano marzo; una donna seduta e adorna di fiori, che indica la primavera; infine, contadini che portano ceste con frutta e grappoli d’uva, la cui presenza è chiaramente riferita ai mesi estivi. Questo tipo di decorazioni serviva a ricordare ai contadini quali erano i loro doveri di laboratores e a scandire il tempo della loro vita da cristiano. Con il passar dei secoli, le medesime rappresentazioni vennero impiegate anche come didascalie per i primi calendari, la cui caratteristica consisteva nell’esser composti da vere e proprie illustrazioni curate nei minimi dettagli con un contenuto aneddotico. La diffusione di questi primigeni almanacchi, nei territori dell’Europa occidentale, consentì la conoscenza degli usi e dei costumi delle diverse popolazioni; in tal modo si venne a creare una tradizione figurativa che, tuttora, contraddistingue alcuni calendari cartacei, ormai divenuti di nicchia, come quelli di Frate Indovino o di Barbanera, portatori di un mondo di valori. in cui l’uomo, con rinnovata semplicità, vive in armonia con la natura, il suo tempo e la bellezza del creato

Luigi FuscoDocente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6975 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Maestri alla Reggia. Chiusura con Giovanni Veronesi

(Maria Beatrice Crisci) – Con il regista Giovanni Veronesi si chiude il secondo ciclo di “Maestri alla Reggia”, la rassegna sui grandi autori del cinema italiano dell’Università Vanvitelli, un progetto

Editoriale

25 novembre, la giornata per dire no alla violenza sulle donne

Tiziana Barrella * – Emulazione? Crollo dei valori? Mancato rispetto della vita? Cosa scatena l’ira e la violenza sulle proprie compagne, sulle madri dei propri figli, su giovani ragazze o

Cultura

Il Salotto a Teatro ospita Gianfelice Imparato e Carolina Rosi

Pietro Battarra -Sabato 15 febbraio alle ore 19 nel Foyer del Teatro Comunale di Caserta nuovo appuntamento del ciclo “Il Salotto a Teatro”, incontri tra i protagonisti della scena e

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply