Natale in Campania, a tavola con i piatti della tradizione

Natale in Campania, a tavola con i piatti della tradizione

 Maristella Di Martino

 – Luci e candele, cibo a volontà e tanti, tantissimi dolci. Ecco il Natale della tradizione campana. A tavola infatti non compare nulla che non faccia rima con la lezione del passato e dei rituali che le nostre nonne rendevano magici. La vigilia predica magro, ma il 25 pranzo deve essere sostanzioso e succulento. Tra una chiacchiera e l’altra, una risata e una confidenza tra amici e parenti, tutti in trepidante attesa del fischio di inizio di una due giorni molto “impegnativa”.

Tradizione, sempre e comunque. E ovviamente famiglia. Natale fa rima con una bella tavola imbandita, luci e candele annesse, cibo a volontà e tanti, tantissimi dolci. E noi non potevamo non partire da qui. Ecco i due “diktat” della lezione delle nostre nonne, campane ovviamente, che per la vigilia predica magro. Ma il 25 non c’è ragione che tenga. Natale è Natale. Il pranzo, infatti, è sostanzioso, variegato, succulento. Soprattutto buono, con la “b” maiuscola. Tra una chiacchiera e l’altra, una risata e una confidenza tra amici e parenti tutti siamo in trepidante attesa del fischio di inizio della cena. A centro tavola non manca mai la pizza di scarola che apre le danze (a patto che sia sopravvissuta allo spuntino e al pranzo) e col suo impasto avvolgSchermata 2019-12-17 alle 08.01.13e le verdure insaporite con olive, capperi, uvetta e pinoli; una ricca insalata di polpo e baccalà, alici e salmo ne marinati e broccoli – rigorosamente di Natale – passati in padella con aglio, olio e peperoncino oppure lessati e conditi con olio e limone, arricchiti con il rosso delle papaccelle sott’aceto.Primi e secondi di mare.

Altro rito sono gli spaghetti con le vongole. In bianco o col pomodorino non importa, il primo piatto della vigilia è questo. E se vogliamo variare, optiamo per scampi, astice o altre tipologie che profumano comunque di mare. Per secondo la tradizione predica spigola al forno o all’acquapazza o orata, ma il piatto d’obbligo che fa Natale è la frittura di gamberi, calama ri e merluzzetti. Ritorna prepotente il baccalà, stavolta non all’insalata ma fritto o a zeppoline insieme al capitone.

L’insalata di rinforzo.

Poi arriva il momento dell’altro must imperdibile, l’insalata di rinforzo. Nata per arricchire la magra cena a base di pesce con una pietanza a sostegno di tutto il resto, è un tripudio di ortaggi e verdure tra cavolo lesso, acciughe  salate, olive verdi e nere, papaccelle e giardiniera , tutto rigorosamente sotto aceto. Di solito si consuma anche nei giorni a venire, rinforzandola sempre con gli stessi ingredienti e aggiungendo un po’ di aceto. Qualcuno, in verità, ama sostituirla o associarla all’insalata russa, ma è un’altra storia (non la nostra).

Finale con frutta…

Schermata 2019-12-17 alle 07.59.12Fresca e secca. Basta che ci sia. Mentre sparecchiamo per intrattenerci giocando a tombola, a tavola fanno capolino mandarini, melone bianco, arance, mele, cachi e  pere insieme a tante leccornie: è tempo dello spass’ con noci, mandorl e, fichi secchi, nocciole e datteri.

…e dessert

Sempre nell’ottica della sacralità della tradizione, ecco il trionfo di colori, sapori e profumi dolci: strabordanti struffoli  ricoperti di miele e confettini colorati, roccocò, susamielli,  raffiuoli, mostacciuoli e pas te reali. E quindi panettoni e pandori che fanno la loro parte, artigianali ovviamente. Il tutto innaffiato da liquori che aiutano la digestione, come nocillo, limoncello, mand arinetto, meloncello e chi più ne ha ne metta.

Il pranzo del 25.

Schermata 2019-12-17 alle 07.59.44Ci si sveglia con calma, la sera prima si è fatta l’alba… Si fa colazione con i dolci avanzati, i più piccini se la spassano con i regali che hanno appena spacchettato, poi la messa di rito con passeggiata e visita ai parenti. Alle 14, però, scatta l’ora x. Gambe sotto la tavola e si riparte.

Il menù di Natale.

Minestra maritata innanzitutto, tante verdure tra cicoria, verza, broccoli neri, mallone, scarole piccole e borragine che, una volta lessate, sono messe nel brodo di carne fatto col manzo. Ottima se l’accompagnamo con crostini di pane tostato. Poi è la volta della pasta al forno, spesso sostituita da lasagna o sartù di riso, anche se per qualcuno i cannelloni sono una valida alternativa.
Secondo rigorosamente a base di carne, magari quella in brodo o roastbeef, arrosto o capretto con patate. Anche qui trionfano verdure ed ortaggi, in mille ricette ed abbinamenti. Non mancano mai i broccoli né l’insalata di rinforzo così come il gran finale spetta ai dolci della tradizione preparati nei giorni precedenti.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 5745 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Paul Polansky a Marcianise, il poeta Usa è voce dei senza voce

Maria Beatrice Crisci – Paul Polansky è un romanziere, un poeta, un antropologo, un documentarista, un fotografo. Ma resta soprattutto un combattente. È un personaggio leggendario per il suo impegno a difesa dei

Attualità

Le Giornate Europee del Patrimonio. Terra di Lavoro c’è

(Redazione) – Ampia l’adesione della provincia di Caserta alle due Giornate Europee del Patrimonio sabato 24 e domenica 25 settembre. Molti i siti culturali statali che hanno inteso partecipare all’iniziativa del

Arte

Reggia di Caserta, la sala Romanelli recuperata al contemporaneo. In mostra le installazioni di Demetz e Sannino

(Enzo Battarra)               È iniziata la fase di riappropriazione da parte della Reggia di Caserta delle sale da destinare alle esposizioni d’arte, siano esse

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply