Nella Caserta deserta tra cibo e arte da Prosit 1990

Nella Caserta deserta tra cibo e arte da Prosit 1990

(Enzo Battarra) – Domenica di piena estate. Il cielo è carico di nuvole. Ogni tanto cade giù un po’ di pioggia. Il pensiero è a quelli che stanno in spiaggia. Qui in città è un piacere non essere assaliti dalla calura.

Caserta è deserta. Non per fare la rima, ma è proprio così. Si pranza fuori, in casa fa comunque troppo caldo. È un’occasione per andare a visitare Peppe Russo e il suo Prosit 1990 nel cuore della città, nel quartiere della Santella, a due passi dalla Reggia. Un tempo questo era il quadrilatero dell’arte per la città di Caserta. Ora è il luogo della movida serale. Ma il ristorante di Peppe è l’anello di congiunzione tra le tradizioni del territorio e le spinte innovative determinate dai tempi. Lo chef casertano quest’anno è stato insignito anche del titolo di “artista dello street food” in quel tempio della gastronomia italiana che è il ristorante tristellato “Da Vittorio” di Brusaporto, provincia di Bergamo.

Si entra e il primo impatto è quello di un locale estremamente accogliente. E poi qui l’arte c’è, a testimonianza di una memoria del luogo. Non sfuggono all’attenzione i collage di Maria Gagliardi alle pareti, artista capuana colta e raffinata. Tutte le immagini hanno come protagonista il cibo. E poi tra le casse di vino le rane della Cracking Art, le sculture colorate di plastica, quasi un’installazione site-specific. Sono le stesse che erano state poste in vendita a sostegno della Reggia di Caserta e lanciate dallo stesso direttore Mauro Felicori nella fontana del Parco. D’altronde, da alcune settimane il Palazzo vanvitelliano si è popolato di lupi, chiocciole, suricati e altri esemplari.

    Cracking Art            Cozze

Il pranzo è servito. Per iniziare una zuppa di cozze scomposta. I mitili hanno trovato nel pomodoro un rifugio sicuro. L’olio ravece ne esalta il sapore.

Sublime la spadellata: reali le capesante, reali le mazzancolle. E non poteva essere altrimenti, all’ombra della residenza regale.

E qua va raccontato il vino. Il desiderio è quello di sfidare gli intensi profumi delle portate con un vino dagli aromi intensi. La scelta cade su Alìe, rosé della tenuta Ammiraglia di Frescobaldi. D’altronde il nome è quello di una delle Nereidi, le ninfe marine.

Il primo piatto è la pasta e patate con frutti di mare. La pasta è quella mischiata, nella più genuina tradizione che tendeva a non sprecare nulla in cucina.

Arriva il calamaro, quello pescato ad amo, con citronette al frutto della passione, accompagnato dai fedeli fagiolini. Un’esperienza sensoriale!

 Crostacei               Calamaro

A concludere il tiramisù con kiwi, pesca, pistacchio e polvere di caffè.

Il pranzo è concluso. Si fa una passeggiata alla Reggia?

@EnzoBattarra

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9778 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

In bici nei dintorni della Reggia, il libro di Scatozza fa tappa nel Sannio

Redazione -Il tour di presentazione del libro del giornalista casertano Carlo Scatozza “In Bici nei dintorni della Reggia di Caserta, racconti di cicloturismo, con GiroGustando edito da Wood&Stein arriva nel Sannio grazie agli eventi

Attualità

Integrazione dei migranti, un Polo sociale a Castel Volturno

Roberta Greco -A Castel Volturno, nell’area di Destra Volturno, è stato aperto un Polo sociale dal Consorzio Nco – Nuova Cooperazione Organizzata, che ha lo scopo di provvedere all’accompagnamento ai

Comunicati

Antiqua, week end in musica con l’Associazione Jervolino

(Comunicato stampa) -Dopo il Festival organistico la programmazione dell’Associazione Anna Jervolino prosegue con Antiqua, in programma sabato 11 maggio, ore 20.00, presso la Chiesa di S. Maria ad Nives di Castel