Nello studio di Lello Esposito. Lui sa che la salvezza sta in un corno!

Nello studio di Lello Esposito. Lui sa che la salvezza sta in un corno!

Enzo Battarra            Il luogo è magico, è misterioso, è suggestivo. Il palazzo, nel cuore di Napoli, in piazza San Domenico Maggiore, è appartenuto all’esoterista Raimondo di Sangro, principe di Sansevero. Qui teneva la sua tipografia, i cui rumori notturni destavano timori e sospetti. Ma questo è soprattutto l’edificio dove si consumò la tragedia di Gesualdo da Venosa, che nottetempo uccise la moglie Maria d’Avalos e il suo amante Fabrizio Carafa, esponendone le spoglie nell’atrio.

Ebbene, in quelle che furono le scuderie di questo così storico palazzo ha il suo incantevole studio Lello Esposito. Come un novello demiurgo, qui l’artista realizza ed espone le sue incantevoli creature, i suoi Pulcinella, i suoi San Gennaro, ma anche i suoi apotropaici corni. Decine e decine di tele appoggiate al muro, e poi ovunque, ma ordinatamente disposte, le sue sculture. A partire da quella gigantesca che accoglie il visitatore alla discesa dalla scala: “Gli occhi di San Gennaro”. Sono occhi buoni, protettivi, comprensivi. Ma basta volgere lo sguardo intorno e altri busti del santo patrono di Napoli compaiono in tutte le declinazioni possibili nelle forme e nei colori. E poi ci sono i suoi Pulcinella grotteschi, maschere espressive ricche di umanità. Non manca la grande opera corale presentata alla Biennale di Venezia, celebrativa dei centocinquanta anni dell’Unità d’Italia, con tante testine di Garibaldi. L’opera gemella è quella che vede protagonista la Statua della Libertà, quasi a ripercorrere quella tratta che da Napoli portava a New York, città collocate sullo stesso parallelo.

Lello Esposito accoglie nel suo atelier i visitatori con cordialità estrema, con raffinata gentilezza. Si aggira tra le sue opere con la giusta soddisfazione di chi ne è l’artefice, ma anche con l’umiltà di un artista che appartiene al suo popolo. Accarezza i metalli lucenti, racconta storie legate a singole immagini. Sorride narrando il clamore che fece il suo grande corno collocato davanti alla Reggia di Caserta e che pure ha portato fortuna al monumento vanvitelliano. Respira e fa respirare l’aria di un luogo che ha visto intrecciarsi storie drammatiche e oscure. Qui si è fatta la storia. Ma in questa storia c’è di diritto lui stesso, il cantore della Napoli più autentica, più vera. Qui si incarna lo spirito partenopeo, ma è uno spirito che parte dalla tradizione vista come identità e si proietta nella cultura contemporanea, nel gusto corrente. Per guardare con fiducia negli occhi il futuro. Lui è Lello Esposito, lui sa che un corno salverà Napoli e il mondo.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8715 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Luce 1, l’ars fotografica di Assunta Saulle al Maschio Angioino

– Da lunedì 26 ottobre a martedì primo dicembre la Cappella Palatina del Maschio Angioino di Napoli ospita “Luce 1”, la mostra d’arte fotografica di Assunta Saulle. L’esposizione a cura Carla Travierso, prodotta da Black

Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze, c’è la Reggia

Luigi Fusco -La Reggia di Caserta, insieme al Ministero della Cultura, sarà presente all’ottava edizione del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze, l’appuntamento biennale che, quest’anno, si terrà presso

Maradona a Castel dell’Ovo, in proiezione foto di Sergio Siano

Una tela di tufo in mezzo al mare per omaggiare un indiscusso mito del calcio: Diego Armando Maradona. Domani, venerdì 18 dicembre dalle 18 e per un’ora, sulle mura esterne di Castel

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply