No alla violenza sulle donne, la Fabbrica Wojtyla al Don Bosco

No alla violenza sulle donne, la Fabbrica Wojtyla al Don Bosco

Claudio Sacco

 – Schermata 2019-11-22 alle 12.06.23E’ per sabato 30 novembre alle ore 21 al Teatro Don Bosco dei Salesiani di Caserta “Cinque giorni dopo”. Ovvero teatro-incontro con la città, i suoi giovani, le istituzioni e le associazioni, coordinata dal Forum dei Giovani di Caserta con Fabbrica Wojtyla. La motivazione è caratterizzare la presenza attiva della gioventù sulla tematica della violenza di genere oltre la giornata del 25 Novembre (Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne). La particolarità del nuovo messaggio proposto dalla iniziativa è condensato nel principio: “La cultura di un uomo è la sola garanzia per una donna” sostenuto dal Presidente della Repubblica, elogiato dal filosofo Umberto Galimberti tra altre autorevoli personalità del mondo della cultura, sottoscritto da un numero sempre maggiore di Comuni “virtuosi” e promosso da Fabbrica Wojtyla. Il messaggio è nato a Caserta con il movimento culturale #ONEMORE e mira a porre l’attenzione sull’uomo e al risveglio dell’autocoscienza maschile affrontando la tematica da una angolazione diversa che affronta il problema alla radice. Il movimento spontaneo si rivolge alle coscienze dei giovani studenti che sono gli autentici protagonisti del cambiamento. L’invito parte quindi da giovani verso i giovani. La circostanza prevede una intensa rappresentazione teatrale caratterizzata da un linguaggio attuale e quindi ben comprensibile alle nuove generazioni che potrebbero interpretare finalmente la reale volontà di porre fine a questa drammatica emergenza sociale il cambiamento che la società necessita. Prima della rappresentazione teatrale è organizzato uno spontaneo e simbolico corteo silenzioso maschile di giovani, che si raduna e parte da Piazza Vanvitelli alle ore 19,30, attraversa via Mazzini per raggiungere Piazza Margherita dove le giovani studentesse casertane saranno ad attenderli. Le due rappresentanze di giovani così riunite attraverseranno, simbolicamente contromano, Corso Trieste, Via Vico e un breve tratto di Via Roma per raggiungere insieme la meta del Teatro Don Bosco. Ulteriore valore aggiunto è dato dalla raccolta di importi liberali destinati alla realizzazione musicale del brano “Mano al Mondo” in collaborazione con la cooperativa New Hope, la splendida iniziativa di Suor Rita Giaretta.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9783 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo

L’Orchestra Feelix suona al Comunale, c’è il jazz nelle canzoni

Maria Beatrice Crisci -«Canzoni in jazz». È il titolo dello spettacolo della Piccola Orchestra Feelix protagonista domenica 21 novembre alle 20 al Teatro Comunale «Costantino Parravano» di Caserta.  L’evento fa

Comunicati

Inclusione, i minori stranieri accolti dal Sai del Cidis

(Comunicato stampa) -I minori stranieri non accompagnati del Sai di Caserta, accolti nelle comunità alloggio del Cidis, impegnati fino a gennaio con LGNet 2, il progetto europeo coordinato dal Ministero

Comunicati

Nadia Verdile regina tra dieci Regine, è suo il Premio Virgilio

“Regine. Spose bambine, eroine e sante dall’Europa alla corte di Napoli” di Nadia Verdile vince il Premio Letterario Publio Virgilio Marone come migliore opera saggio. Promosso da Dialogos in collaborazione