No alle discriminazioni, la panchina contro l’omofobia a Capua

No alle discriminazioni, la panchina contro l’omofobia a Capua

Luigi Fusco

– In occasione della Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia è stata inaugurata, presso la piazzetta del “Boschetto Pizzi” di Capua, la “Panchina Arcobaleno” attraverso un’iniziativa volta a manifestare simbolicamente contro qualsiasi tipo di discriminazione e per contrastare ogni forma di bullismo omo-bi-transfobico.

“Non restare fermo a guardare”, questa la frase messa in evidenza al momento del taglio del nastro della “seduta” avvenuto in presenza delle autorità cittadine, dell’associazione Rain Arcigay Caserta e delle rappresentanze di alcune scuole capuane.

Alla manifestazione, condotta nel rispetto delle norme anti-covid, è intervenuto anche il primo cittadino, Luca Branco, il quale ha dichiarato che “tutte le panchine hanno tutti i colori e che ognuno dovrebbe vivere tutta la vita rispettando tutti i colori. L’integrazione e la crescita rappresentano la differenza, non l’odio. Nessuna forma di contrasto è possibile accettarla”. A far da eco alle sue parole è stata l’assessore Veronica Iorio affermando che la città di Capua è stata la prima a sostenere la proposta di far installare una “panchina arcobaleno”, che non è da ritenersi una “seduta semplice”, poiché è un “simbolo per la lotta dei diritti che sono umani e non sono negoziabili”, aggiungendo, poi, che “la scelta di installarla davanti ad una scuola è stato un gesto d’amore che si contrappone all’odio”.

Grande soddisfazione c’è stata da parte di Bernando Diana, Presidente di Rain Arcigay Caserta, che nel corso del suo intervento ha affermato che “la panchina è un regalo fatto dall’associazione a Capua e bisogna considerarla come il primo passo utile per renderla una città arcobaleno”.

Nutrita è stata la partecipazione degli studenti all’iniziativa. Dagli alunni del Liceo Pizzi, già coinvolti nel progetto di pulizia del “Boschetto Pizzi”, guidati dalle docenti Annamaria De Gennaro e Maria De Chiara, agli allievi dell’Itis “Giulio Cesare Falco”, accompagnati dalla professoressa Angela Nespoli. Non solo i ragazzi delle superiori sono stati presenti, ma anche quelli delle medie con l’Istituto Comprensivo “Pier Delle Vigne” insieme agli insegnanti Claudio Di Benedetto e Antonella Cerri. Da parte loro c’è stato molto entusiasmo, soprattutto perché hanno dato il proprio contributo alla “Giornata” attraverso frasi e parole cariche di significato, ma anche piene di speranza per un futuro meno caratterizzato dall’odio così come da ogni tipo di discriminazione.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 739 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Cultura 0 Comments

Pompeii Commitment, l’archeologia nell’arte contemporanea

Luigi Fusco – Dallo scorso dicembre è attivo il Pompeii Commitment, il primo progetto del Parco Archeologico di Pompei dedicato alle interconnessioni tra archeologia e linguaggi visivi contemporanei. La piattaforma,

Comunicati 0 Comments

Terræmotus Neapolitan, nuova tappa per il contest dei talenti

-Mercoledì 19 gennaio, alle 21, seconda tappa del “Terræmotus Neapolitan Talent” (Tnt), il contest alla ricerca delle nuove voci esplosive napoletane. Ideato dal direttore artistico Marisa Laurito, questo contest, che ricerca

Cultura 0 Comments

Carlo e Raimondo, la strana coppia narrata da Rosanna Cioffi

Pietro Battarra – Carlo di Borbone e Raimondo di Sangro, che strana coppia! Giovedì 14 dicembre alle ore 17,30 nella Cappella Palatina della Reggia di Caserta è in programma l’ultimo

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply