Noi, figli del deserto

(Beatrice Crisci) – Che Caserta fosse “nel profondo e permalosissimo Sud” non era dato saperlo. Anzi, si era sempre creduto che la città fosse geograficamente la porta del Meridione, il primo capoluogo che si incontra scendendo da Roma, prima di Napoli e di tutta la punta dello Stivale. Che poi la città dovesse essere ascritta a un “permalosissimo Sud” anche questo costituisce una novità, non essendo a conoscenza che la caratteristica delle persone meridionali fosse la permalosità. Ma forse l’articolista del Venerdì di Repubblica Claudia Arletti ha ragione, visto il tono stesso di questo editoriale scritto da una giornalista del Sud, tra l’altro casertana.

reggia- venerdi repubblica

Il servizio in questione è stato pubblicato nel supplemento del quotidiano nazionale in data venerdì 19 agosto. L’articolo ha anche il grande merito di riportare una corretta e significativa intervista al direttore generale della Reggia di Caserta, Mauro Felicori, la persona che sta ricevendo riconoscimenti e attribuzioni di stima sia in città sia in tutta Italia, tanto da diventare un vero e proprio fenomeno nazionale in quanto a impegno e produttività. Ebbene, l’intervista, anche per i contenuti che esprime, riempie di gioia tutti, casertani compresi. Ma l’approccio alla città non è condivisibile. L’articolista Claudia Arletti usa anche un’altra espressione irriguardosa, descrivendo la Reggia, prima della venuta di Felicori, come “un castello in lenta rovina piantato in mezzo a un deserto”.

La Reggia era in cattive condizioni quando è arrivato a ottobre scorso il direttore selezionato dal ministro Dario Franceschini. Questo sì, è un dato di fatto. Ma non era “in lenta rovina”, visto che continuavano a girarci film di straordinario valore e la visita non mostrava tutto quel degrado che i media hanno insistentemente rimarcato. Poi, sul fatto che il territorio casertano sia un deserto, beh, su questo ci vorrebbe per chi scrive su testate di tale rilievo un’attenzione maggiore alla storia dei luoghi, sia quella dell’antichità sia quella contemporanea. In queste terre sorgeva Capua, l’altera Roma, giusto per fare un piccolo esempio. E se non si vuole ricorrere alle radici del territorio, una considerazione andrebbe fatta, se è questa la terra che ha generato Toni Servillo o Francecso Piccolo, o anche Edoardo De Angelis, il regista invitato alla prossima Mostra del Cinema di Venezia. Che sono? Tutti fiori che nascono nel deserto? Ma si potrebbe continuare con i nomi di Fausto Mesolella, Pietro Condorelli, Antonio Pascale, Peppe Servillo, Roberto De Francesco, Corrado Sfogli, Enrico Ianniello, Tony Laudadio e Mario Tronco. E ce ne sarebbe tanti tanti altri ancora. Tutti figli del deserto!

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9783 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Editoriale

A mani nude nel Parco. Le regole di Felicori

(Enzo Battarra) – Apertura cancelli ore 8,30, come in qualunque altro giorno dell’anno. C’è attesa, curiosità, anche qualche timore, per il primo lunedì in Albis dopo venticinque anni in cui

Attualità

24 giugno, la festività di San Giovanni nella notte più magica

Augusto Ferraiuolo* – È bene ricordare fin da subito che la festività di  San Giovanni cade in prossimità del solstizio d’estate in quell’ottica sincretica che non può non caratterizzare le variazioni dei

Editoriale

Il buonumore vien mangiando!

Marcellino Monda* – Il cibo non è solo necessario come carburante metabolico per l’organismo: è sempre più evidente che esiste un’associazione tra gli alimenti e le funzioni cerebrali che regolano il