‘O Zulù, la storia di Luca Persico al Campania Teatro Festival

‘O Zulù, la storia di Luca Persico al Campania Teatro Festival

Prosegue domani lunedì 14 giugno, con la prima assoluta dello spettacolo “Ridire – parole a fare male” scritto dal frontman dei 99 Posse Luca Persico, il Campania Teatro Festival diretto da Ruggero Cappuccio, organizzato dalla Fondazione Campania dei Festival, presieduta da Alessandro Barbano. In scena alle ore 21, nel Casino della Regina di Capodimonte (ingresso Porta Miano), per la regia di Pino Carbone, la storia dell’artista ‘O Zulù, nome d’arte di Luca Persico, volto e anima della storica band napoletana fondata nel 1991: la sua scrittura, la sua voce e il suo corpo diventano un racconto universale e generazionale. Lo spettacolo racconta tre decenni di cambiamenti politici e sociali  attraverso il ritratto di un personaggio, della sua formazione, delle sue battaglie. In scena con ‘O Zulù il violinista Edo Notarloberti che percorre e reinterpreta i paesaggi sonori dell’intera storia. Un dialogo a tutti gli effetti al quale si aggiunge, con voce rotta e presenza infantile, Francesca De Nicolais, che ha il compito di rompere la frontalità̀, portando la narrazione nello spazio scenico in via di allestimento sotto gli occhi del pubblico.

Debutta nel Giardino Paesaggistico di Porta Miano a Capodimonte (ingresso Porta Miano) alle ore 21, “Calà – l’ultimo filo”, di Marco Ciconte e Giusy Mellace, con Erica Bianco, Giovanni Cordì e Francesca Flotta, diretti da Franco Eco, anche autore delle musiche originali. Il coraggio di lottare, recidendo il filo del Male con la forza del pentimento e del riscatto sociale, è l’elemento fondante di questa performance teatrale tutta crotonese, che trae origine dalla leggenda mitica di una terra sorta a metà tra il Tirreno e lo Jonio, del cui fascino vennero a conoscenza popoli di Paesi lontani, intenzionati per questa ragione ad abitarla e impossessarsene, provocando così l’ira degli Dei. Per tenere lontani gli usurpatori, le divinità chiesero allora alle Parche di tessere il filo del destino, in cui ogni filamento avrebbe rappresentato un ostacolo da superare. Nasce allora Calà, l’anima nera. L’unica salvezza per lei, il voto alla Madonna Nera, rito diffuso nei culti mariani dell’Italia meridionale, dove il pentimento figura come la sola via per il perdono e il riscatto sociale. 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7643 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Serata Patafisica a Caserta, Terre Blu apre con Mario Persico

Regina Della Torre – Serata Patafisica sarà. Di quelle memorabili, di quelle che faranno gridare ad anni di distanza: “Io c’ero!”. Sabato 25 novembre alle ore 19 si inaugurerà il nuovo

Attualità 0 Comments

La Sun lancia il progetto di mobilità SoonToSUN

“Un sistema più efficiente ed economico per gli studenti”. Così il rettore della Seconda Università degli Studi di Napoli Giuseppe Paolisso parlando del progetto di Mobilità SoonToSUN, un sistema integrato

Spettacolo 0 Comments

Summer Concert, la rassegna prende il via da Casertavecchia

Claudio Sacco -Torna Summer Concert, la rassegna estiva dell’Associazione Anna Jervolino e dell’Orchestra da Camera di Caserta, che avrà luogo dal 1 agosto al 19 settembre. Diverse le location: il Duomo di Casertavecchia, la Chiesa della

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply