Occhio alle lenticchie! Ne servono tante per l’anno che verrà

Occhio alle lenticchie! Ne servono tante per l’anno che verrà

Luigi Fusco

– Come da tradizione, anche per questa vigilia di Capodanno, il cenone si concluderà con una doverosa scorpacciata di lenticchie, rigorosamente servite al piatto insieme al cotechino ma, per quanto, la loro apparizione risulti un po’ stonata, per sapore e odore, rispetto alla pantagruelica mangiata a base di pesce e di dolciumi vari, la sua presenza è altresì fondamentale, perché è semplicemente augurale. Tante lenticchie, tanti soldi per l’anno venturo. Tale usanza benaugurale fonda le sue radici nella Bibbia; difatti, in alcuni passi, questo legume è protagonista, specialmente nel racconto riguardante la primogenitura di Esaù. In epoca romana, invece, le lenticchie venivano donate alle persone che si volevano bene. L’omaggio avveniva attraverso lo scambio di una borsa, denominata scarsella, e pertanto la loro presenza all’interno riportava alla forma delle monete; infine, l’augurio era che ogni lenticchia si tramutasse in denaro. Oltre a regalarle, pare che gli stessi romani abbino introdotto l’usanza di mangiarle dopo la mezzanotte.

A dar man forte all’opulenza del piatto ricorre, poi, il cotechino; l’insaccato per eccellenza, caldo, grasso e fortemente speziato, ritenuto, da sempre, un simbolo di benessere, ma anche di corpulenza. A poterselo permettere erano le persone gaudenti, coloro che non si privavano di mangiare un così fastoso cibo. L’origine della sua preparazione risale addirittura alla fine del XV secolo e sembra che sia stata suggerita da Pico della Mirandola; pare, che durante l’assedio di Firenze, da parte delle truppe francesi di Carlo VIII, il filosofo suggerì ai soldati delle truppe, schierate in difesa delle mura cittadine, di macellare i maiali rimasti e di inserire la carne dentro le loro stesse zampe, insieme ad alcune spezie, in modo da aver un alimento che potesse durare a lungo, in termini di conservazione, nel corso dell’assedio. Una volta preparato il cotechino il risultato fu eccezionale, peccato, però, che lo stesso umanista non ebbe modo di assaggiarlo, in quanto decise di avvelenarsi, il 17 novembre del 1494, all’età di 31 anni.

Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7292 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Eco schools, Marco e l’orchestra di strumenti musicali riciclati

Maria Beatrice Crisci -Lui ha solo 13 anni, si chiama Marco Giugliano e frequenta la III media all’Istituto Pontano di Napoli ha realizzato sfruttando la sua inventiva e coltivando l’impegno

Spettacolo 0 Comments

Wet Floor, Fabio Pisano in scena al Bellini con un suo testo

Maria Beatrice Crisci – Proseguono fino a domenica le repliche di “Wet Floor” al Piccolo Bellini di Napoli. Il testo è di Fabio Pisano, Interpreti Antimo Casertano e Fabio Cocifoglia.

Cultura 0 Comments

Teatro Teanum Sidicinum, capolavoro dell’architettura romana

Luigi Fusco -In località Grotte, presso il comune di Teano, sono visibili i monumentali resti del Teatro della remota Teanum Sidicinum, la cui originaria costruzione è attestata intorno al II

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply