Ospedale di Caserta, inaugurato il Centro per urostomizzati

Ospedale di Caserta, inaugurato il Centro per urostomizzati

Maria Beatrice Crisci

-Alla vigilia della Giornata Mondiale dello Stomizzato, stamattina all’Ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta è stato inaugurato il Centro di Riabilitazione per Urostomizzati. Lo slogan è “Non saprai mai quanto sei forte, finché essere forte è l’unica scelta che hai”. Così nell’Unità operativa complessa di Urologia, al piano 2 dell’edificio F si sono ritrovati il direttore generale, Gaetano Gubitosa, il direttore sanitario, Angela Annecchiarico, il direttore dell’Uoc, Ferdinando Fusco, l’assessore al Diritto alla Salute del Comune di Caserta Enzo Battarra. Quindi, l’A.I.Stom., Associazione Italiana Stomizzati, che parteciperà con il presidente regionale Franco De Fazio e il vicepresidente nazionale Ciro De Rosa.  Incardinato nel reparto di Urologia, il Centro di Riabilitazione per Urostomizzati nasce nell’AORN di Caserta, con il sostegno della Direzione Strategica, allo scopo di potenziare e migliorare la qualità dell’assistenza ai pazienti portatori di stomia urinaria, con ricaduta positiva sulla loro qualità di vita.

Si stima – ha evidenziato il prof. Fusco- che in Italia siano 75.000 i pazienti stomizzati con un aumento medio annuo del 4% circa. Nel nostro Ospedale -dichiara- abbiamo incrementato significativamente gli interventi di chirurgia uro-oncologica, fronteggiando la domanda crescente sul territorio casertano e riducendo la migrazione dei malati. Ciò significa che abbiamo in cura un numero considerevole di pazienti urostomizzati. Il paziente urostomizzato – ha spiegato il direttore dell’Uoc di Urologia- è il paziente portatore di urostomia a seguito di asportazione o esclusione di parti dell’apparato urinario. L’urostomia è un percorso alternativo per l’urina, confezionato dal chirurgo al momento dell’intervento. Esistono diversi tipi di urostomia, ma tutti hanno bisogno di un’attenta e costante manutenzione. Il paziente urostomizzato -sottolinea- è un paziente fragile, in quanto è sopravvissuto a un tumore. È una persona costretta a una sfida che è insieme fisica, psicologica e sociale. Una sfida, che il malato deve essere aiutato ad affrontare e superare. In questa ottica sodale -conclude il prof. Fusco- apriamo nell’Ospedale di Caserta il Centro di Riabilitazione per Urostomizzati, il primo di questo tipo sull’intero territorio provinciale, che ci consentirà di assicurare ai pazienti da noi trattati la migliore assistenza possibile nel tempo”. 

Puntando su un approccio multidisciplinare e olistico, il Centro dell’AORN di Caserta si candida a prendersi cura del paziente urostomizzato nella sua interezza psico-fisica, personalizzando e umanizzando il percorso terapeutico, accompagnando e guidando il malato nella fase preoperatoria, in quella postoperatoria, nei successivi controlli periodici. In tutte le fasi, l’aspetto sanitario, con le medicazioni, la sostituzione ciclica degli ausili protesici, il trattamento di eventuali complicanze, i consigli alimentari, incrocia costantemente l’aspetto, complementare e determinante, dell’informazione al paziente e ai familiari, della formazione ed educazione a gestire autonomamente lo stoma, del sostegno emotivo. Il Centro si prefigge, quindi, di aiutare il malato ad acquisire progressivamente confidenza con il suo status, a sviluppare consapevolezza dei limiti e delle potenzialità della sua dimensione di stomizzato, a familiarizzare con la gestione della protesi e dei problemi connessi, affinché possa conviverci serenamente, senza rinunciare alle proprie abitudini.

L’attività del Centro, cui si accede in regime ambulatoriale, è affidata a un sinergico lavoro di squadra, che ha il suo angelo custode nello stomaterapista, un infermiere specializzato, per formazione ed esperienza sul campo, nella cura e nella riabilitazione del paziente stomizzato. Affiancano lo stomaterapista sia l’équipe medica dell’Uoc di Urologia sia, all’occorrenza, gli specialisti delle altre Unità operative dell’Ospedale di Caserta. All’evento inaugurale era presente anche il team dedicato del Centro, gli urologi Silvio Giacomo Festa e Luigi Lotti con la stomaterapista Ippolita Palladino, e lo staff medico e infermieristico del reparto.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8909 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Ambiente e Creato quale futuro? Incontro al Liceo Manzoni

-Il Liceo Manzoni si prepara ad un’altra intensa mattinata culturale. Lunedì 3 Ottobre, alle ore 11.00, nell’Aula magna, ci sarà un momento di riflessione e di sensibilizzazione, una grande occasione

Attualità

Microchip day, a Capua domenica in piazza dei Giudici

Luigi Fusco –Microchip Day. Amalo senza paura di perderlo. È il tanto attesto appuntamento per gli amanti della fauna canina che si svolgerà domenica 15 gennaio, dalle 10.00 alle 13.00,

Attualità

Stop alla violenza, alla Vanvitelli c’è il flashmob virtuale

Pietro Battarra -«La battaglia contro la violenza alle donne inizia da noi». A lanciare l’hashtag sono gli studenti dell’Università Vanvitelli. Sono loro a metterci la faccia in un flashmob virtuale