Pasqua 2020. Il fai da te rilancia i dolci della tradizione locale

Pasqua 2020. Il fai da te rilancia i dolci della tradizione locale

Claudio Sacco – Da un capo all’altro dell’Italia nemmeno in questa Pasqua di tristezza e isolamento mancheranno i piatti della rigogliosa tradizione culinaria tricolore. Agnello e capretto, torta pasqualina e casatiello.

A salire sul podio dell’offerta gastronomica saranno anche i dolci tipici: la colomba, le uova di cioccolato, le specialità locali come la pastiera napoletana. Ma con due profonde differenze rispetto al recente passato: s’impenna il consumo del fatto in casa, perlomeno per i dolci da forno. E crollano le produzioni artigianali (parzialmente a favore dei dolci industriali) a causa delle restrizioni imposte a pasticcerie, cioccolaterie e gelaterie costrette alla chiusura per l’emergenza e con uno spazio di tempo a disposizione molto ristretto per poter organizzare con sistematicità la consegna a domicilio. A rilevarlo una indagine condotta congiuntamente da CNA Agroalimentare e CNA Commercio tra i propri iscritti.

A Pasqua si prevede che, su sei tavole italiane ogni dieci, verrà portata una colomba. Con una fortissima presenza di prodotti industriali, venduti tramite la grande distribuzione e spesso consegnati a emergenza non ancora scoppiata. Nel frattempo sono destinate a precipitare le produzioni artigianali, in calo da un anno all’altro di oltre il 50%. E ad aumentare i dolci fatti in casa: non c’è sito gastronomico che in questi giorni non propone la sua ricetta. Complessivamente, comunque, l’indagine prevede un calo delle vendite rispetto al 2019 calcolato nell’ordine perlomeno del 20%. Causa del combinato disposto dell’esplosione del fai da te e delle difficoltà nel fare la spesa, tra orari ridotti, file allungate e controlli di ordine pubblico.

L’indagine valuta in un ordine percentuale ancora superiore il calo delle vendite di uova di Pasqua, ipotizzato intorno al 30%. In questo caso la produzione artigianale si è praticamente azzerata. Un colpo fortissimo. Rischia di essere letale per molti piccoli produttori che in queste festività realizzavano tra un quarto e un terzo del loro fatturato. Sul fronte del cioccolato, peraltro, la produzione industriale non ha recuperato la fortissima riduzione artigianale. Colpa del taglio ai consumi di beni non indispensabili. E della riduzione degli spazi dedicati ai prodotti non di prima necessità nelle superfici commerciali, per rispettare le misure di sicurezza e in particolare la distanza tra i clienti.

Il fai da te ha rilanciato i dolci locali tradizionali: gubana e agnello di marzapane, ciaramicola e focacce varie e, soprattutto, la pastiera napoletana. Una specialità, quest’ultima, che si è conquistata uno spazio proprio uscendo dai confini partenopei per diventare un dolce nazionale: da qualche anno la sua ricetta è tra le più ricercate in rete, secondo Google Trends.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9779 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Mettilo in agenda! Gli appuntamenti dal 26 al 28 maggio

Emanuele Ventriglia -Non sai cosa fare questo fine settimana? Ecco i principali eventi che si terranno su tutto il territorio casertano. Venerdì 26 maggio *San Leucio, ore 9,30. Presso il

Primo piano

Santa Barbara, i vigili del Fuoco celebrano la loro patrona

(Redazione) -Lunedì 4 dicembre si terranno i festeggiamenti in onore della Santa Patrona dei Vigili del Fuoco, Santa Barbara. L’evento presso la sede del Comando VVF Caserta, in via Falcone.

Primo piano

PalaPiccolo, una grande festa prepartita con Oscar e Tato

Maria Beatrice Crisci (ph Ciro Santangelo) -Una festa prepartita per due ospiti d’onore al palaPiccolo domenica pomeriggio. Ovvero la presenza sugli spalti di Oscar Schmidt e Tato Lopez, protagonisti della