Patrimonio d’arte, al Pizzi di Capua il concorso di Italia Nostra

Patrimonio d’arte, al Pizzi di Capua il concorso di Italia Nostra

Enzo Battarra

– Il Liceo Statale Salvatore Pizzi di Capua si conferma ancora una volta un’eccellenza tra gli istituti scolastici della Provincia di Caserta. La classe quarta A dello Scientifico ha vinto il concorso nazionale “Culture, professioni e mestieri per il futuro del patrimonio culturale. Progetti e percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento”, indetto da Italia Nostra nell’ambito del Pcto numero 3 #MISPORCOLEMANI “Un approccio empirico finalizzato alla tutela del patrimonio artistico, culturale, paesaggistico della Nazione”.
Gli studenti, guidati dalla professoressa Marina Del Giacomo, hanno realizzato un lavoro di recupero e conoscenza del patrimonio artistico e culturale inerente la raccolta dei busti argentei conservati presso la Cattedrale di Capua.
Il loro progetto è stato possibile grazie allo studio del volume “Capua Sacra, Santi Patroni e Reliquie Insigni” pubblicato, nel 2019, dagli storici, nonché docenti dello stesso “Pizzi”, Luigi Fusco e Daniela De Rosa.


Oltre a raccogliere notizie storiche e precipue interviste, i ragazzi si sono dedicati alla creazione di un vero e proprio museo virtuale attraverso cui è possibile conoscere la storia, le committenze e i riti sacri legati ai sette busti argentei, di scuola napoletana, che raffigurano i Santi Patroni della città capuana. Opere che, ogni anno, il primo sabato di maggio vengono portate in processione per il centro urbano, secondo una consuetudine antichissima.
Il progetto è stato, inoltre, condotto anche con la preziosa collaborazione di don Gianni Branco, parroco della Cattedrale.
Soddisfatto il Preside del “Pizzi”, professor Enrico Carafa (foto), per il risultato raggiunto dai suoi alunni, ma soprattutto per il giudizio espresso nei confronti dei ragazzi, il cui lavoro “approfondisce con sapienza critica e profondità di campo i molteplici aspetti che caratterizzano il culto delle sette statue argentee della Città, indagando con l’ausilio di molteplici strumenti digitali, storico-archivistici e documentari i fattori identitari di questo culto, dal carattere materiale e immateriale, suscitando interesse verso il tema di studio e manifestando una significativa maturità nella ricerca scientifica condotta dagli studenti”.
La classe vincitrice del premio, composta da 29 alunni, è tra le migliori dell’istituto. Oltre lo studio, i ragazzi sono appassionati di nuove tecnologie applicate alla realizzazione di siti internet e di filmati a scopo documentario.

About author

Enzo Battarra
Enzo Battarra 44 posts

Enzo Battarra (Napoli, 1959) è critico d'arte e giornalista. Collabora con il quotidiano “Il Mattino” e con riviste specializzate d’arte di rilievo internazionale. Ha pubblicato diversi libri sui temi dell’arte, è curatore indipendente di mostre. Medico, dermatologo, è responsabile dell’Unità Operativa di Dermatologia e Malattie veneree dell’Azienda Ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” di Caserta, dove svolge anche le funzioni di addetto stampa. È stato direttore dell’attività museale, espositiva e convegnistica del Comune di Caserta. Ha ricoperto il ruolo di assessore alla Cultura nei Comuni di Caserta e Casagiove.

You might also like

Editoriale

6 luglio, World Kiss Day. Per la Reggia il bacio è di Doisneau

Enzo Battarra – World Kiss Day, o se si preferisce Giornata Internazionale del Bacio. Certo, non passa giorno che non sia dedicato a qualcuno o a qualcosa. È anche questo

Spettacolo

Il 700 musicale a Napoli, concerto-tributo a Valeria D’Esposito

Maria Beatrice Crisci -Non un semplice concerto, ma un evento in ricordo di una persona speciale. Valeria D’Esposito, giornalista, anima e volto di VisitCampania, scomparsa nel marzo scorso per Covid.

Primo piano

Geopolitica dello Spazio, conferenza nazionale alla Scuola AM

-La Scuola Specialisti dell’Aeronautica Militare ha ospitato, presso il proprio auditorium, per il terzo anno consecutivo, la Conferenza Nazionale di Geopolitica dello Spazio che, in considerazione dell’alto valore per la