“Per amore del mio popolo”, 25 anni dopo

(Samuele Ciambriello) – Sono trascorsi 25 anni dalla pubblicazione del documento “per amore del mio popolo” che don Peppe Diana e i confratelli sacerdoti della Forania di Casal di Principe (otto parroci) vollero consegnare alla popolazione e alle persone di buona volontà. Era il 25 dicembre, Natale del 1991. Venticinque anni dopo ancora non si deve tacere, in nome di un popolo che vuole risorgere dalla tirannia della camorra.
”E’ bene che si rinnovi questo appello perché la terra nostra sta sempre in prima pagina. E’ importante perché tutti, e soprattutto i giovani hanno bisogno di ricordare don Peppe e quello che facemmo con semplicità ma con determinazione”, così riflette don Armando Briccoletti, uno dei parroci che firmarono il documento insieme a don Diana. Ed ancora la sua diocesi oggi in un documento confessa qualche omissione.
“Forse non ci rendemmo subito conto della straordinaria vitalità che avevano quelle parole, della profezia che conservavano in sé, dell’orizzonte nel quale si sarebbero poi collocate. Fu l’assassinio di don Giuseppe Diana, avvenuto il 19 marzo 1994, a rendere quel documento veramente unico, uno spartiacque tra il vecchio e il nuovo, tra la salvezza e la prigionia camorristica, tra il deserto e la terra promessa, fu quella morte atroce a prefigurare cioè una nuova terra e un nuovo cielo per questi territori così fortemente martoriati dalla violenza e dalla sopraffazione”.
Questi sacerdoti, mandati come agnelli in mezzo ai lupi, in luoghi dove c’erano corrotti e collusi con la camorra anche tra uomini dello Stato, hanno seminato tanti fiori che portano avanti quelle idee e quella battaglia, quel grido e quel bisogno di liberazione. In quel documento don Peppe non si limita a denunciare il male e le omissioni, ma mette in luce le radici e le possibili vie di guarigione con una forza e con una sorprendente lucidità che ritroviamo oggi nelle parole di papa Francesco.

Un messaggio che deve diventare monito, una meditazione che deve diventare azione a sporcarsi le mani, a non guardare dall’altra parte.

A distanza di 25 anni, quelle preoccupazioni ci interpellano profondamente, anche se le guardiamo con occhi diversi, con lo sguardo di chi vigila, vede l’ingiustizia e la denuncia, con la ragione di chi ricorda il passato e se ne serve per cogliere nel presente il nuovo che avanza, che fa della giustizia la via prioritaria da seguire per giungere alla libertà.
Ricordare quel documento non è un atto ripetitivo, ma è fare memoria, per narrare, da una generazione all’altra, il senso di una storia fatta di soprusi e violenze, ma anche di resistenza e di liberazione. Sapendo anche che le crisi per le liberazioni che non portano i frutti che vorremmo sono tipiche di ogni avventura umana vera. Però, noi credenti, sappiamo che il fiore della salvezza sboccia nel letame del male.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

16 luglio, la Madonna del Carmine nella rumba degli scugnizzi

Enzo Battarra – “Chella bella Mamma d”o Cármene v”o ppava. Nun mm”o ppòzzo faticá!”, così canta la Nuova Compagnia di Canto Popolare in quello che è un capolavoro di Raffaele Viviani «’A

Editoriale 0 Comments

E’ il giorno di Sant’Anna. E’ qui la festa, nella Caserta più antica

(Enzo Battarra) – Caserta ha la sua santa patrona. È Sant’Anna e oggi 26 luglio è la sua festa. Anzi, è anche quella di San Gioacchino, ma chi lo ricorda?

Editoriale 0 Comments

La notte che Caserta scoprì come è bello dipingere la musica

Magi Petrillo (ph di Pino Attanasio) – Al teatro Comunale di Caserta gremito fino all’inverosimile è andata in scena «La Musica dipinta. paralipomeni di una sinestesia». Iniziativa ideata da Sergio

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply