Peter Fonda e Felice Gimondi, quando il mito corre su due ruote

Peter Fonda e Felice Gimondi, quando il mito corre su due ruote

Enzo Battarra

– Il destino ha voluto che il loro fine vita si incrociasse nello stesso giorno. L’uno ha concluso i suoi giorni a Giardini Naxos, l’altro a Los Angeles. L’uno campione di ciclismo, l’altro attore. L’uno classe 1942, l’altro ’40. L’uno italiano, l’altro statunitense. Entrambi ritratti su due ruote. L’uno Felice Gimondi, l’altro Peter Fonda. Forse non si sono mai incontrati, forse si incontreranno altrove. Ma c’è qualcosa che straordinariamente li ha accomunati. L’idea del viaggio, della fuga, che è poi sinonimo di libertà, di vita vissuta.

Era il 1969, l’anno dopo il mitico Sessantotto, quando nel mondo Peter Fonda faceva esplodere il fenomeno Easy Rider. A quell’epoca Felice Gimondi aveva già vinto il Giro d’Italia, il Tour de France e la Vuelta a España. Erano entrambi fenomeni di massa, penetranti, capaci a Caserta come in tutta Europa,  ma anche negli Usa, di diffondersi nei bar dello sport ma anche nelle disadorne stanze in cui cresceva il movimento studentesco. All’epoca non c’erano post da condividere, si era social senza tecnologia. Eppure erano gli anni in cui i primi esemplari della Generazione X si allevavano a pane e rivoluzione, a beat e pop. E il Peter Fonda di “Easy Rider”, con i suoi compagni di strada Dennis Hopper e Jack Nicholson, era il mito contraddittorio di un’Amerika capace di trasformare in strumenti del capitalismo anche i simboli della ribellione. Anni dopo sarebbe venuto un professore casertano di Letteratura anglo-americana, Tommaso Pisanti, a spiegare che in fondo “On the road” di Jack Kerouac non faceva altro che proseguire la metafora del viaggio di Achab nel “Moby Dick” di Herman Melville. E poi c’era Felice Gimondi, galantuomo, sportivo leale, antagonista storico di Eddy Merckx, probabilmente non un rivoluzionario, ma certo capace di interpretare al meglio la voglia di fuga, di riscatto, di traguardi raggiunti in solitaria. E poi italiano. E lo spirito nazionale non è mai mancato, nemmeno ai baby rivoluzionari.

In fondo, Felice Gimondi faceva il suo dovere di ciclista, e il suo dovere era vincere. E Peter Fonda faceva l’attore, e il suo dovere era interpretare buoni film. Ma tutto si può fare con un proprio stile. Con lo scorrere della storia tutto appare più chiaro, anche “normale”, come le vittorie di Felice Gimondi o i buoni film di Peter Fonda. Ma non è così. Il loro passaggio su due ruote l’ha cambiata la storia, generando entusiasmi e passioni, ma anche dissensi e antagonismi. Se ne vanno due campi0ni della vita, due giganti che nella fantasia popolare resteranno perennemente in viaggio.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7289 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Cimitile, l’intervento di Cesaro: “Cultura è presidio di legalità”

Claudio Sacco – La formazione culturale e soprattutto civica delle nuove generazioni è fondamentale per lo sviluppo del sistema Paese e per contrastare i fenomeni criminali. A queste riflessioni portano

Maria Adele Del Vecchio, un’opera racconta la sua storia

Claudio Sacco – Sabato 7 luglio sarà Maria Adele Del Vecchio la protagonista alle ore 20 dell’ultimo incontro, prima dell’estate, di My Work Tells My Story, ovvero “Mi racconto in

Primo piano 0 Comments

Casolla e l’Addolorata, è l’Anno Giubilare dell’Arciconfraternita

Luigi Fusco – È iniziato ufficialmente l’Anno Giubilare dell’Arciconfraternita Maria Santissima Addolorata in Casolla di Caserta. Inaugurato lo scorso 2 febbraio, l’evento giubilare si concluderà nel 2022. Sarà un’occasione importante

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply