Piedimonte Matese, Cacciari e il jazz al Festival dell’Erranza

Piedimonte Matese, Cacciari e il jazz al Festival dell’Erranza

Pietro Battarra

cacciari2– Autori, studiosi, ma anche musicisti, cantautori, strumentisti e artisti. È ricco il programma del Festival dell’Erranza in programma da venerdì 29 settembre a domenica primo ottobre a Piedimonte Matese, nell’Alto Casertano. Sarà Massimo Cacciari ad aprire il Festival introdotto dall’ideatore e direttore artistico Roberto Perrotti, a seguire Maria Clara Restivo, Gennaro Matino, Donatella Di Pietrantonio, Mauro Francesco Minervino.

Sabato 30 settembre sarà la volta di suor Raffaela Letizia, Giorgio Agnisola, Giuseppe Limone, Guglielmo Venditti, Christiana Ruggeri, Bruno Arpaia, Massimo Onofri. Mentre domenica ci saranno Alfredo Valeri, Pasquale Iorio, Lidia Massari, Ugo Iannitti.

Due grandi e suggestivi spettacoli seguiranno gli incontri e le interviste: venerdì sera alle ore 21 esibizione del Berberè trio jazz, formato da apprezzati strumentisti quali Christian Pepe al contrabbasso, Marco Vecchio al sassofono e Antonio Rapa alla batteria. Sabato concerto di Fabrizio Bosso, uno dei più importanti jazzisti italiani nel mondo, con i grandi musicisti e compositori Pierpaolo Bisogno, Domenico De Marco e Cristian Capasso.

Nel corso delle tre giornate della manifestazione sarà allestita la mostra-installazione fotografica “Epifanie”, curata da Antonio Biasiucci, risultato del LAB (laboratorio irregolare) nato dall’incontro tra Biasiucci e otto giovani fotografi. Per circa due anni nel suo studio napoletano l’artista ha seguito i ragazzi nel loro percorso artistico, guidandoli nella produzione di un progetto di ricerca personale. D’altronde fin dagli inizi della sua ricerca Biasiucci si esprime attraverso un viaggio dentro gli elementi primari dell’esistenza, ricevendo anche per questo numerosi riconoscimenti.

Il tema dell’edizione di quest’anno del Festival, “Il Dono e l’Impossibile”, è inoltre il contest del concorso fotografico indetto dall’Associazione “Le foto più belle della nostra terra”. Confermata la collaborazione con La Guardiense attraverso il progetto “La cultura e il vino”. Sul sito web e grazie ai social media è possibile reperire ulteriori informazioni.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8713 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura 0 Comments

Jazz in vigna, musica, cibo e vino nei Campi Flegrei

Pietro Battarra Grande successo la scorsa settimana per “Jazz in vigna”. Nuovo appuntamento sabato 4 luglio  a partire dalle ore 21.00 nella splendida location dell’Agriturismo Il Gruccione della famiglia Iovino.

Attualità 0 Comments

Alla Reggia di Caserta il primo baby Pit Stop Unicef

(Maria Beatrice Crisci) – Finalmente anche la Reggia di Caserta avrà il suo Baby Pit Stop.  L’inaugurazione è in programma per domani mercoledì 8 marzo a partire dalle 10. La

L’era del cinghiale. Tipicità casertane in pericolo

(Redazione) – L’era del cinghiale è arrivata. Dopo i tanti pericoli e conseguenti danni per l’agricoltura di Terra di Lavoro ora si profila un’altra emergenza. E si chiama cinghiale. L’animale,

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply