Pietrasanta, qui vivono i tesori nascosti di Vittorio Sgarbi

Pietrasanta, qui vivono i tesori nascosti di Vittorio Sgarbi

(Mario Caldara) – Arte e restauro, tesori e luoghi storici, tutto questo è al centro di ciò che sta per verificarsi a Napoli, a partire da martedì 6 dicembre e fino al 28 maggio. Nel corso dei mesi, nel Napoletano, iniziative e mostre hanno sancito una tendenza positiva, che ha alla base una vera rivendicazione culturale. Gli onnipresenti problemi non vanno dimenticati, e sarebbe un guaio se non si desse loro il peso necessario per poterli analizzare e per cercare, rimboccandosi le maniche, di risolverli. Eppure, Napoli sta cercando disperatamente di trarre qualcosa di positivo dall’ambiente culturale qual è, da ciò che ha di bello: l’arte appunto. Molti personaggi pubblici si sono dimostrati sensibili verso l’arte, in un Paese che ne è pieno ma che talvolta si è dimostrato insensibile, immune al suo fascino. Uno fra questi personaggi è Vittorio Sgarbi, studioso e uomo di cultura, che spesso, attraverso diversi mezzi, ha parlato d’arte, denunciando anche casi in cui è stata offesa, a volte rovinata, trattata irrispettosamente, magari preferita a strutture prive di logica e personalità. È proprio da lui che è curata la mostra dei “Tesori nascosti”, che si terrà alla Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta. L’esposizione sarà un racconto che attraverserà oltre sette secoli, e materializzerà davanti agli occhi dei visitatori le evoluzioni, i differenti stili, le correnti artistiche e gli snodi fondamentali della storia dell’arte italiana. Più di cento opere tra dipinti e sculture, “nascoste” perché mai esposte in musei pubblici, essendo di proprietà di fondazioni bancarie, istituzioni e collezionisti privati. I nomi coinvolti sono prestigiosi, fra i quali Tino di Camaino, Caravaggio, Gemito, Saverio Ierace, Giuseppe Ribeira, Luca Giordano, Francesco Solimena, Antoon Smick Pitloo, Filippo Palizzi, Domenico Morelli, Giorgio de Chirico, Giorgio Morandi, Antonio Ligabue. Durante la visita, sarà possibile anche ascoltare l’audio-guida con la voce di Sgarbi attraverso un’app, per immergersi completamente in quel mare d’arte tra gli spazi della Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta. È proprio quest’ultima l’altra nota positiva. Dopo vent’anni, grazie a un intervento di restauro con fondi dell’Unesco, la basilica riaprirà, proprio in occasione della mostra. Sorta nel VI secolo su una struttura di epoca romana, quella attuale è il risultato del progetto di Cosimo Fanzago, eretta in chiave barocca. La seconda guerra mondiale, distruttiva per gli uomini, lo fu anche per l’arte, violata, trafugata o bombardata. Quest’ultimo è stato il caso della chiesa, gravemente danneggiata, e soggetta a restauro nel 1976. Solo oggi, però, dopo decenni di chiusura, si può parlare di restauro definitivo, grazie appunto ai fondi dell’Unesco. La basilica è pronta per ricominciare. Un nuovo inizio, accogliendo i tesori nascosti.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8558 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

Ateneo Vanvitelli per la pace, sostegno alle università ucraine

Emanuele Ventriglia -«L’Università Vanvitelli segue con grande angoscia e partecipazione il conflitto in Russia e Ucraina. Esprimiamo la nostra vicinanza all’intera comunità accademica dei territori di guerra, agli studenti, alle

MeranoWineFestival, sono in trasferta le eccellenze casertane

Claudio Sacco – Caserta va al Merano Wine Festival. Infatti, una selezione di eccellenze enogastronomiche della provincia di Caserta, da venerdì 9 fino a martedì 13 novembre, sarà protagonista di

Primo piano 0 Comments

Il Natale va scoperto alla Reggia, i laboratori per i più piccoli

Luigi Fusco – Alla “Scoperta del Natale” tra le collezioni d’arte della Reggia di Caserta. È l’iniziativa voluta da “Opera Laboratori”, la società concessionaria che da anni gestisce i servizi

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply