Pitti Immagine Uomo, da Caserta il brand Lubello

Pitti Immagine Uomo, da Caserta il brand Lubello

Maria Beatrice Crisci

 – Anche quest’anno Caserta al Pitti Immagine Uomo, la manifestazione di riferimento a livello globale per il menswear e il lifestyle contemporaneo, giunta alla 97esima edizione. L’evento moda che si conclude oggi alla Fortezza da Basso di Firenze ha visto presenti 1.203 marchi, di cui 540 esteri. E’ stata una vera e propria fashion week, all’insegna della sostenibilità ambientale.

E tra gli espositori anche quest’anno il fashion designer casertano Luca Lubello con il suo marchio Lubello. È una collezione di scarpe da uomo e da donna, a cui si aggiunge una collezione di orologi. Luca Lubello è un autentico talento di casa nostra e per lui il Pitti Immagine Uomo è stata una bella vetrina per far conoscere le sue creazioni in cui arte e moda convivono. Due passioni che si concentrato e fondono con armonia. Il brand Lubello prende ispirazione dall’architettura unica di Firenze, dalle geometrie delle sue basiliche, dai marmi delle facciate di Santa Maria Novella e San Miniato, elementi che vengono tradotti, grazie ad artigiani locali capaci di portare avanti una tradizione senza tempo, in tasselli che vanno a formare calzature uniche.

La manifattura di eccellenza cui è fortemente legato rappresenta la componente fondamentale delle sue creazioni. Le sue parole: «Vivo a Firenze ma mi porto dentro anche le proporzioni vanvitelliane della Reggia di Caserta, mi porto dentro le storie nate sotto il vulcano, tra Napoli e i Campi Flegrei, mi specchio in quel golfo dove emergono come sirene Capri, Ischia, Procida. I miti della Magna Grecia arrivano fin dentro il Rinascimento fiorentino, raccontano, parlano, vivono.

La monumentalità del Vesuvio è la stessa che Brunelleschi volle dare alla sua cupola, miracoli di equilibri consolidati. La Reggia vanvitelliana è un’altra esaltazione dello spazio, dell’antro, del guscio. La scarpa come custode e come scrigno del piede, che è radice, che è il punto di contatto con la terra, che è il legame con il suolo che si calpesta. Caserta e Firenze unite dalla maestosità architettonica come dalla progettazione delle calzature, per essere sempre al passo». Ondawebtv continua così a seguire le eccellenze casertane e i giovani talenti della nostra terra che tanto successo raccolgono fuori casa in diversi settori.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 5881 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Luci spente a Caserta. Nessuna paura, arriva l’Ora della Terra

(Luigi D’Ambra) – Ritorna domani 25 marzo la Earth Hour ovvero l’Ora della Terra, la grande mobilitazione globale del Wwf che, partendo dal gesto simbolico di spegnere le luci per un’ora, unisce

Primo piano

Da Cannes a Caserta, il cinismo di “Happy End” al Duel Village

Regina Della Torre – C’è un nuovo appuntamento al Duel Village di Caserta nella rassegna curata dall’associazione Caserta Film Lab. È “Happy End”, il nuovo straordinario film del regista Michael Haneke.

Primo piano

Ce Gusto a Caserta, la birra ha trovato casa a Palazzo Paternò

Claudio Sacco  – «Credevamo fortemente in numeri così alti perché avevamo racchiuso tutte le componenti per costruire una festa della birra speciale: sapori del sud, musica di qualità, artigianato locale.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply