Pittore di corte e di cortile, Domenico Mondo irride i Borbone

Pittore di corte e di cortile, Domenico Mondo irride i Borbone

Luigi Fusco

Il poeta di corte a niun simile, Sire, il giudizio vostro ha scelto bene ma se ancor vi piacesser varie scene, resti pur quel di corte, io di cortile. Si chiudeva con questi versi autografi la breve, ma intesa, esperienza di pittore alla corte dei Borbone di Napoli di Domenico Mondo.

Originario di Capodrise, dove ancora è possibile ammirarne lo splendido palazzo di famiglia, era stato, da giovane, allievo del Solimena; maturo e già noto per gli innumerevoli incarichi ricevuti da svariati committenti, Mondo venne individuato da Luigi Vanvitelli fra gli artisti da coinvolgere nel cantiere della reggia casertana, i cui lavori erano cominciati nel 1752.

Dell’operato di Mondo, però, l’architetto non riuscì a veder nulla, in quanto morì prima della realizzazione del suo unico affresco destinato agli appartamenti reali. Al riguardo, trattasi di una straordinaria opera pittorica ancora oggi visibile nella prima anticamera della Reggia, il cui titolo è di per sé enormemente significativo: Le Armi di Casa Borbone sostenute dalla Virtù.

Dall’esecuzione di questo dipinto, il maestro capodrisano riscosse un notevole successo, tanto che il sovrano del tempo, Ferdinando IV, gli affidò l’incarico di condirettore, insieme al tedesco Tischbein, della Real Accademia di Belle Arti di Napoli. Seguirono a quest’importante delega numerose committenze da parte di principi ed ecclesiastici di alto rango, ma, nonostante tutto ciò, Mondo non assunse mai il ruolo di primo pittore di corte.

Dai tempi della sua amicizia con Vanvitelli alla reggenza di Ferdinando e Carolina, di mutamenti culturali e artistici ve ne erano stati, anche in maniera copiosa, e per un autore come lui, ancora legato a istanze stilistiche tardo-barocche, sembrava non esserci più spazio in seno alle moderne richieste borboniche.

Dalle prime scoperte di Ercolano e Pompei, all’affermazione delle istanze illuministiche, i reali di Napoli iniziavano a essere interessati a un nuovo modo di far pittura, magari più realistica e maggiormente attenta alla definizione dei dettagli. Pertanto, come primo maestro di corte, venne preferito il vedutista prussiano Jacob Philipp Hackert.

I rancori di Mondo che ne seguirono sembravano ormai interminabili e le sue invettive cominciarono a colpire tutti i personaggi che gravitavano attorno alla famiglia reale, dal ministro Tanucci a Carlo Vanvitelli, figlio di Luigi. Versatile anche nell’arte del poetar satirico, l’autore riservò a questi ultimi i seguenti versi: aspettar per quattro anni la riserba di un affar che non ha capo ne’ coda, trattar con un fiscal fatto alla moda e con un architetto ancor in erba, stare a disagio in vita amara e acerba colla speranza sol di aver la broda mentre si d’ ai coglion la carne soda e tal gente veder gonfia e superba.

Ai mancati riconoscimenti da parte dei sovrani partenopei seguirono anche le difficoltà economiche, ma dopo qualche tempo l’attività pittorica di Mondo si riprese ottenendo non pochi consensi di pubblico e di critica. Ormai ottuagenario, Domenico Mondo morì a Napoli, nel 1806, in un momento storico di grandi cambiamenti politici e culturali promossi da quei “francesi” che, da qualche anno, avevano spodestato i Borbone, da lui già tanto amaramente detestati.

Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6654 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Oltre il Manifesto, architetti casertani in riunione a San Leucio

Maria Beatrice Crisci – Nasce il progetto “ManifestOltre”. L’iniziativa è promossa dall’Ordine degli Architetti della provincia di Caserta. Il primo atto sarà il convegno “Contemporaneità, Architettura, Città”. L’appuntamento è al

Comunicati

Un’Estate da Re. E’ tris d’assi con Oren, Yoncheva e Grigolo

Dopo il successo dell’inaugurazione con l’emozionante concerto di Antonio Pappano, “Un’Estate da Re. La grande musica alla Reggia di Caserta” prosegue lunedì 3 agosto alle ore 21 nell’Aperia del Giardino inglese del palazzo reale

Cultura

Dentro il giardino c’è il PAT, la giornata dedicata a Bob Dylan

Luigi D’Ambra – Lunedì 10 luglio al Pat, il Palazzo delle Arti e del Teatro di Caserta, per la rassegna di spettacoli e film “Dentro il giardino” organizzata dalla cooperativa Tam

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply