Più luce! Più luce! Una Reggia luminosa accoglie Paolo Bini

Più luce! Più luce! Una Reggia luminosa accoglie Paolo Bini

(Beatrice Crisci) – E’ un unico percorso di luce. E’ come entrare in una favola e uscirne solo quando si è sicuri del lieto fine. La mostra di Paolo Bini alla Reggia di Caserta è un evento luminoso. Si inizia percorrendo l’interno del “Cannocchiale” che appare magicamente vestito a festa con immagini proiettate e si continua salendo per lo Scalone Reale non potendo fare a meno di tenere la testa in su verso la Volta Ellittica. Qui succede che “La Reggia di Apollo”, il grande affresco di Girolamo Starace Franchis, è preda felice di un’illuminazione aumentata, con effetti tridimensionali e chiaroscurali di enorme suggestione. Tutto progettato da quel mago di Francesco Capotorto.

img-20161219-wa0019

bini-2 bini-3

Dopo questo bagno di luce si è pronti per entrare nelle retrostanze del Settecento, parte integrante degli appartamenti storici, finora destinate a esporre le opere dei maestri di Terrae Motus. Qui è stata allestita la personale di Paolo Bini “Left behind”, curata da Luca Beatrice. Si è accolti da un’esplosione policroma che si irradia dalle tre grandi tele installate nella prima sala. Sono fuochi d’artificio mirabilmente compressi dai sagomatori di luce, sono onde visive che si irradiano nell’ambiente e discutono mirabilmente con gli avvolgenti affreschi. Subito dopo nella seconda stanza il Paradiso aperto, accogliente. Nella terza una costellazione di quadri, nella quarta il wall painting, omaggio al Parco della Reggia. La sorpresa, il lieto fine della favola, è nella scultura a parete.

All’inaugurazione i visitatori accorsi all’invito di Paolo Bini, non numerosi ma numerosissimi, hanno mostrato tutto il loro stupore. Non più visitatori ma viaggiatori, tutti si sono sentiti all’interno di un percorso luminoso che si svolgeva lungo le architetture della Reggia incantata e si materializzava nelle opere esposte.

Giornalisti, critici e storici dell’arte, direttori di museo, collezionisti, artisti, appassionati, curiosi, tutti si aggiravano per le sale fotografando e riprendendo i lavori esposti, non riuscendo a sottrarsi al rito irrefrenabile del selfie pur di portare il più ampio ricordo possibile nelle loro memorie. E più passavano i minuti e più la mostra già impazzava sui social network, tra frasi di meraviglia e commenti entusiasti.

La personale di Paolo Bini è stata voluta dal direttore generale della Reggia Mauro Felicori e dai suoi più stretti collaboratori, in primis Vincenzo Mazzarella. Ma si avvale della collaborazione della galleria Nicola Pedana di Caserta ed è stata realizzata sotto il matronato della Fondazione Donnaregina Museo Madre di Napoli.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

In bocca al lupo, Reggia. Ma ritorneremo!

(Beatrice Crisci) – Hanno popolato per mesi la Reggia di Caserta, comparendo improvvisamente lungo il percorso centrale del Cannocchiale e occupando qualche cortile. Si sono arrampicati sui ponteggi della facciata posteriore

Primo piano 0 Comments

Caritas. Pandemia e biodiversità, seguito convegno in rete

-Si è svolto in Rete il seminario “Pandemia e Biodiversità” promosso dalla Caritas diocesana di Caserta nell’ambito delle iniziative della Commissione “Educazione allo Sviluppo Sostenibile”, costituita con l’intento di dare

Spettacolo 0 Comments

Compagnia della Città, la “contaminazione” in chiesa a Napoli

Claudio Sacco – La Compagnia della Città & Fabbrica Wojtyla torna a Napoli. È nella città partenopea che metterà infatti in scena sabato 26 ottobre “OPVS” – La Contaminazione Felice, visita e teatro

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply