Polo di didattica della ricerca. Il Diaz il primo liceo in Italia

Polo di didattica della ricerca. Il Diaz il primo liceo in Italia

Claudio Sacco 

– Inizio anno con sorpresa per Liceo Scientifico “Armando Diaz” . E che sorpresa! Infatti, dopo i numerosi successi degli scorsi anni, il Diaz è il primo Liceo in cui viene istituito un polo di ricerca e sperimentazione per ambiti scientifici e umanistici in sinergia con le Università, il CNR e altri Enti. Il prestigioso e antico liceo di Caserta si riconferma, dunque, quale istituto precursore dell’innovazione.

La ricerca e la sperimentazione diventano, pertanto, la cifra del nuovo modo di fare scuola, segnando una vera e propria svolta nel mondo della didattica. A volerlo fortemente il Dirigente Scolastico, Luigi Suppa , che ha più volte sottolineato l’importanza di avvicinare i giovani alla ricerca e alla sperimentazione già dall’età di 15-16 anni, e non solo dopo la laurea, come invece solitamente avviene. “La capacità ricettiva e di apprendimento nei giovani di questa età – ha dichiarato il Preside Suppa- raggiunge i massimi livelli”; di qui l’idea di stimolarne la curiositas fornendo loro strumenti metodologici per la ricerca che li metteranno nelle condizioni di affrontare in modo più maturo e consapevole le scelte e le sfide del futuro nel campo della formazione e del lavoro. “ La ricerca e la sperimentazione applicate in ogni settore- ha aggiunto il Dirigente Scolastico, che nei prossimi giorni illustrerà al MIUR tale iniziativa-costituiscono il migliore strumento per garantire il successo formativo degli alunni”.

Già sono in essere Protocolli di Intesa con le Facoltà Universitarie che saranno coinvolte nella didattica attraverso seminari e laboratori rivolti a gruppi di alunni delle varie classi, selezionati in base alle loro inclinazioni e ai successi scolatici. Un percorso didattico, questo, destinato dunque in particolare alla valorizzazione delle eccellenze a cui verrà offerta la possibilità di imparare a ricercare e a condurre uno studio finalizzato ad un risultato di medio e lungo termine.

Un ulteriore successo per il Liceo Scientifico “A. Diaz” che sempre di più si distingue per i notevoli risultati conseguiti in tutti gli ambiti.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7603 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Scuola 0 Comments

Inclusione sociale dei migranti, l’esperienza di una volontaria

Marta Gesuele/Antonio Porrino/Alfonso Renzi – Cristiana Vozza, volontaria del servizio civile Unicef, è stata ospite della redazione Tv Giordani. A lei abbiamo rivolto alcune domande sul Progetto d’inclusione sociale dei migranti.

Primo piano 0 Comments

Devianza giovanile, Itis Giordani accanto alla Cooperatica Eco

L’Istituto Giordani di Caserta, guidato dalla preside Antonella Serpico, accanto alla Cooperativa Eco  in tre progetti. Eco-resilienza 3.0: nuove strategie di educazione al rispetto. L’obiettivo specifico del progetto è di

Primo piano 0 Comments

Inarrestabile Manzoni! Il Liceo 10 e lode, anche per la DAD

«Un’istituzione aperta nei confronti del territorio e della società, di impronta internazionale, in costante dialogo con gli studenti così come con le loro famiglie». «Una scuola che guarda alla formazione

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply