Pompei, realizzati altri calchi di uomini morti durante la fuga

Pompei, realizzati altri calchi di uomini morti durante la fuga

Maria Beatrice Crisci

-«Questa scoperta importante dimostra che Pompei è importante nel mondo non solo per il numero di visitatori e turisti, ma perché è un luogo incredibile di ricerca, di formazione e di studio». Così il ministro della Cultura e del Turismo Dazio Franceschini nel commentare l’importante ritrovamento fatto a Pompei. Ancora una volta, dunque, prende forma dagli scavi condotti a Pompei, quella che lo scrittore Luigi Settembrini definì “il dolore della morte che riacquista corpo e figura”.  Uomini  che persero la vita nel corso dell’eruzione e la cui impronta dello spasimo è rimasta impressa per duemila anni nella cenere. Durante le attività di scavo in corso in località Civita Giuliana, a circa 700 m a nord-ovest di Pompei, nell’area della grande villa suburbana dove già nel 2017 – grazie all’operazione congiunta con i carabinieri e la Procura di Torre Annunziata finalizzata ad arrestare il traffico illecito dei tombaroli – era stata portata in luce  la parte servile della villa, la stalla con i resti di tre cavalli bardati, sono stati rinvenuti due scheletri di individui colti dalla furia dell’eruzione.

Così come nella prima campagna di scavo fu possibile realizzare i calchi dei cavalli, oggi è stato possibile realizzare quelli delle due vittime rinvenute nei pressi del criptoportico, nella parte nobile della villa oggetto delle nuove indagini. I corpi sono stati individuati in un vano laterale del criptopotico, corridoio di passaggio sottostante della villa, che consentiva l’ accesso al piano superiore.  
ph @luigispina

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7013 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

A Luigi Nicolais il Premio Palasciano, ha rilanciato Carditello

Claudio Sacco per OndaWebTv  – Il 30 novembre al Museo Campano di Capua Luigi Nicolais, presidente della Fondazione Real Sito di Carditello riceverà il Premio Nazionale Palasciano 2019. A deciderlo

Food

Impiattare, un’arte tutta gourmet. Un’esperienza per i sensi

Vittoria Massaro *Dottorato in Eurolinguaggi e Terminologie Specialistiche  “Quel che cotto è cotto, quel che è fatto è fatto, e quel che è impiattato è impiattato!”. Così esordiva lo chef Alessandro

Primo piano

Il culto di San Ciro, protettore dei medici come degli ammalati

Luigi Fusco – Protettore degli ammalati, ma anche patrono dei medici, Ciro d’Alessandria d’Egitto, vissuto nel terzo secolo dC, esercitava la professione di medico, ma con il titolo di anàrgiro,

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply