Primo agosto, Sant’Alfonso. Un vescovo intellettuale popolare

Primo agosto, Sant’Alfonso. Un vescovo intellettuale popolare

Augusto Ferraiuolo*

– Una delle caratteristiche fondamentale della santità è che il Santo o la Santa rappresentano, in qualche modo, un esempio da seguire. Di fatto sono degli ideali di comportamento e di religiosità al tempo stesso eccezionali, ma in fondo auspicabili, se non possibili. I santi si trovano quindi in uno spazio tra la terra e il cielo, e proprio per questo specie nella religiosità popolare fungono da mediatori tra la pochezza umana e la maestà divina. Nell’immaginario folklorico alcuni santi trovano spazi privilegiati perché vengono vissuti come vicini e familiari. Si pensi a San Gennaro (per la gente, “faccia gialla”), a Maria (vista nel suo straziante e materno dolore), a San Pietro (noto per la sua golosità) e così via.

Alcune di queste caratteristiche sono più o meno evidenziate dal credo folklorico, altre sono invece più direttamente connesse con la vita e l’operato del Santo. Ed è questo il caso di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, che fece dell’evangelizzazione degli strati sociali bassi della società settecentesca napoletano il proprio scopo.

Occorre brevemente ricordare un paio di cose: Sant’Alfonso nasce da una famiglia nobile napoletana ed è circondato da personalità culturali di rilievo (uno dei suoi precettori fu, ad esempio Francesco Solimena e sembra che almeno brevemente abbia conosciuto Giambattista Vico). È inevitabile quindi che Alfonso respiri quell’atmosfera illuminista che domina il periodo e la città, e che l’arienziano Nicola Valletta dipinge così bene nella sua Cicalata sul Fascino, volgarmente Iettatura. La musica è centrale nell’educazione di Alfonso, come dimostra la sua prolifica attività di compositore.

Quando compie la scelta religiosa in pieno contrasto con le aspettative familiari (e mi scuso per aver saltato moltissimi passaggi interpretativi) è quasi inevitabile che la sua opera sacerdotale si diriga verso i fedeli più umili, i cosiddetti lazzari. Per questo fonda nel 1734, a Liberi, in provincia di Caserta, la Congregazione del Santissimo Redentore, con lo scopo di evangelizzare quelle che erano ancora, di fatto, le Indias de por acà, per usare un’espressione cara ai Gesuiti cinquecenteschi poi ripresa da De Martino nella sua Terra del Rimorso per descrivere l’arretratezza socioculturale ed economica dei poveri nel meridione. La tecnica missionaria dei Redentoristi, basata sulla benevolenza, la didattica e la vicinanza concreta, quanto spirituale e culturale con le masse popolari ha un successo straordinario nel XVIII secolo. Ed in questa prospettiva che vanno inquadrate alcune composizioni musicali di Sant’Alfonso, composte, non a caso, in dialetto. La diffusione di Quanno Nascette Ninne è immensa, e rimane così nei secoli a venire. Ma anche la bellissima Ogge è nata na Nennella, dedicata a Maria, non è da meno. La vicinanza tra il Santo e la sua gente è strettissima, ora come allora, e non può che essere così visto il comune linguaggio. E non è un caso che in questa bellissima dialettica tra colto e popolare si inseriscano, riproponendo oggi le canzoni di Sant’Alfonso, artisti che fondono magistralmente il registro intellettuale con quello folklorico come Ambrogio Sparagna e Peppe Servillo.

* Antropologo culturale, Lecturer alla Boston University

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9772 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Settembre al Borgo, ciak si gira! Il festival diventerà un film

Claudio Sacco – Settembre al Borgo, edizione 45, ritorna dal 2 al 6 settembre prossimi, ma non sarà solo musica. E’ il borgo di Casertavecchia che si trasformerà in un set

Primo piano

Lorito-Nicolais-Micchetti, un tris d’assi al Consorzio Mozzarella

– Il rettore dell’Università Federico II di Napoli Matteo Lorito è il nuovo presidente del Comitato Scientifico del Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop. Con Lorito entra a far parte dell’organismo

Comunicati

Pomigliano Jazz in Campania, Gonzalo Rubalcaba apre la rassegna

(Comunicato stampa) -Gonzalo Rubalcaba è il primo ospite confermato della ventinovesima edizione del festival Pomigliano Jazz in Campania. Il pianista, percussionista e compositore cubano si esibirà nella sua unica data al sud Italia, alle Basiliche