“Professione: artista”, un docufilm che è invito alla resistenza

“Professione: artista”, un docufilm che è invito alla resistenza

Rita Raucci

– “Siamo tutti nella stessa barca!”. È un suggestivo richiamo alla solidarietà che suona come un sollievo nell’immaginario collettivo, ma che può stonare per quanti si sentano fuori da una generica sorte comune. Sarà sicuramente questo il pensiero degli artisti; la precarietà, già tipica di questa professione, è entrata in una specie di corto circuito con quella prodotta dalla pandemia, generando un’avvilente immobilità. 

In questa prospettiva, diventa ancora più significativo il focus sulla condizione dell’artista elaborato da Gaetano Ippolito e Sebastiano Sacco: il documentario, scritto e diretto dai due autori, dal titolo “Professione: artista”, è stato girato nel 2015, nell’ambito del Festival Ouverture, tenutosi a Officina Teatro, teatro sperimentale della città di Caserta e presentato in anteprima al Napoli Film Festival nella sezione “Schermo doc”, nel 2018. Il documentario, produzione indipendente di Viseeva e Terra di Cinema, per le musiche originali di Vincenzo De Lucia e la produzione esecutiva di Valentina Crisci, ha richiesto circa una settimana di lavoro di ripresa, seguita da una postproduzione di un anno.

Un viaggio affascinante che percorre le vite di numerosi artisti italiani e stranieri, che da persone diventano personaggi, passando attraverso le loro passioni e sfide intrise di precarietà e necessità di continui cambiamenti.

Nell’opera si alternano interviste e performance che testimoniano la caparbietà con cui uomini e donne fanno fronte alle difficoltà del vivere l’arte: c’è chi si sente “funambolo” in bilico tra il cielo e la terra, nel tentativo di raggiungere la bellezza; chi da artista si sente di affrontare la vita “faccia a faccia con la paura”; e chi, infine consapevole delle maggiori difficoltà in Italia, si dirige altrove per vedersi realizzato. Pezzi di un mondo che danno il senso e la misura di quanto uno spettacolo sia solo l’atto finale di un percorso faticoso, benché appassionato, invisibile al grande pubblico. Il riconoscimento del valore di un artista, come produttore di valore aggiunto in termini di crescita culturale e spirituale, dovrebbe indurre uno Stato laico responsabile, nel periodo di profonda crisi indotto dal Covid, a dare sostegno al pari di quanto fa per qualsiasi altro libero professionista. 

«L’impossibilità di esibirsi sta producendo danni enormi – dichiara il regista Ippolito – non solo perché viene a mancare la linfa in grado di rigenerare l’artista, ma anche e soprattutto sul piano economico, dal momento che questa professione, già di norma non riconosciuta al pari di altre, rimane esclusa da ristori e sostegni». 

About author

Rita Raucci
Rita Raucci 3 posts

Docente di discipline giuridiche ed economiche in un istituto tecnico di Caserta. Laureata in Giurisprudenza e in Relazioni Internazionali presso l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli. Dottorato in finanza pubblica comunitaria. Specializzazione in diritto ed economia delle Comunità euoropee (Dipartimento Scienze Politiche J. Monnet). La professione docente l’ha portata a scoprire e sperimentare nuovi strumenti di «espressione» didattica, quali il videomaking e lo storytelling che utilizza in particolare sui temi della cittadinanza attiva e paritaria, nonché dello sviluppo sostenibile.

You might also like

Attualità 0 Comments

Caserta Campania Pride 2016. Tutto pronto per la sei giorni

È tutto pronto per il Caserta Campania Pride 2016 dal 21 al 26 giugno organizzato da “Rain associazione LGBT* casertana” e il “Coordinamento Campania Rainbow”. Il prossimo 20 giugno alle

Primo piano 0 Comments

Via ogni male! La rottura della pignata in tempo di Quaresima

Luigi Fusco – La prima domenica di Quaresima era consuetudine, secoli addietro, a Napoli come nel resto dei territori della Campania, un singolare rituale che prevedeva la rottura di una

Al Buonarroti di Caserta torna Campus Salute onlus con il progetto alimentazione e falsi miti

Ha riscosso grande successo il progetto “Alimentazione e falsi miti” sostenuto dal Campus Salute sezione di Caserta, di cui è responsabile dottore Rosario Cuomo (foto), gastroenterologo, docente universitario presso la

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply